Traduci

Silvia Romano è a casa, l’abbraccio di Milano(Altre News)

Silvia Romano è a casa, l’abbraccio di Milano

cms_17444/romano_silvia_milano_carabinieri_fg.jpg

“Sto bene, rispettate questo momento”. Sono queste le parole raccolte dalle telecamere e dai giornalisti che attendevano, fuori dall’abitazione milanese, Silvia Romano appena arrivata in via Casoretto. Diverse le persone che hanno accolto la giovane con un caloroso applauso. ’Bentornata a casa Silvia’, è uno dei cartelli vicino alla porta di ingresso del suo condominio. Diverse le scritte e i cartelli vicino al parco Trotter, il quartiere multietnico dove la giovane è cresciuta.

Silvia ha ringraziato con lo stesso sorriso che ha mostrato anche a Ciampino, le persone che hanno aspettato il suo arrivo sfidando il tempo incerto di Milano. Con indosso la stessa lunga tunica islamica che ha attirato più di una critica e lo zaino nero in spalla, è scesa dall’auto e – protetta dalla polizia – ha percorso pochi passi prima che il portone del condominio di casa si chiudesse alle sue spalle, lasciando fuori i tanti giornalisti. Ad accompagnarla un lungo applauso delle tante persone in strada, ma anche dalle finestre di un quartiere che non l’ha mai dimenticata. Dopo 535 giorni di prigionia, Silvia è a casa e ha chiesto con poche parole ai cronisti rispetto per il momento che sta vivendo la sua famiglia.

Bertolaso: “Analisi seria su ong che mandano ragazzi allo sbaraglio”

cms_17444/bertolaso_repertorio_fg.jpg

“I cooperanti italiani devono andare con organizzazioni serie e strutturate, che mai manderebbero ragazzi allo sbaraglio. Facciamo un’analisi seria su quelle organizzazioni che mandano questi ragazzi in situazioni a rischio”. Lo ha detto Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile, intervenendo a Quarta Repubblica. E sui rapitori di Silvia Romano che fanno capo ad Al-Shabaab, Bertolaso è netto: “Non ci possono essere assoluzioni verso questi criminali, sono professionisti del terrorismo e non credo che sia stato casuale che abbiano tenuto questa povera ragazza per 18 mesi”.

Federfarma: “Mascherine a 50 centesimi introvabili”

cms_17444/virus_mascherine3_afp.jpg

“Le mascherine a 0.50 centesimi sono già finite e sono introvabili. Sabato e oggi sono stati distribuiti tre milioni di pezzi a Roma, Milano e Torino, le zone più importanti da proteggere. Ma sono già finite anche perché è un numero davvero limitato rispetto alle esigenze e alle richieste che arrivano dai cittadini”. Lo denuncia all’Adnkronos Salute Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma. Ma il problema non è solo quello delle mascherine. “Il prezzo dei guanti, in lattice o nitrile, si è triplicato o quadruplicato negli ultimi mesi dopo l’emergenza Covid-19. Il mercato è impazzito e mancano anche le materie prime per realizzarli”, avverte Tobia.

“Dovrebbero arrivare altri 12 milioni di mascherine ma non sappiamo quando – aggiunge Tobia – Siamo preoccupati e non ci stimo al gioco di chi dice che le abbiamo nascoste per motivi di prezzo. Mediamente ogni farmacia italiana riceve 80-90 mascherine che finiscono in un lampo e in alcune farmacie non arrivano proprio. Ribadiamo – conclude – la disponibilità a venire incontro al Governo e alla Protezione civile, forse nell’imminente Consiglio dei ministri potrebbe essere tolta anche l’Iva sulle mascherine a 0.50 centesimi”.

Terremoto a Roma, scossa avvertita in tutta la città

cms_17444/sismografo_xin-kcM9.jpg

Terremoto a Roma. Una scossa di terremoto è stata avvertita distintamente nella capitale all’alba di ieri. Il sisma ha avuto come epicentro l’area di Fonte Nuova, comune in provincia di Roma. Secondo i dati degli Ingv il terremoto di magnitudo 3.3 è avvenuto alle 5.03 ad una profondità di 10 km. L’epicentro è stato localizzato a 5 km da Fonte Nuova, 9 da Mentana e 10 da Monterotondo, comuni a Nord Est di Roma.

Secondo quanto si apprende da una prima ricognizione della Protezione Civile, non si segnalano danni a persone o a cose. “Al momento alle sale operative dei vigili del fuoco non sono giunte richieste di soccorso né segnalazioni di danni”, si legge in un tweet pubblicato dai vigili del fuoco.

“Non parliamo di una forte scossa di terremoto, questa è una magnitudo frequente nel nostro paese. Scosse come queste di magnitudo 3.3 ne registriamo centinaia se non migliaia durante l’anno. La scossa che è stata avvertita a Roma ha svegliato molte persone ma non ha generato danni nei Comuni di Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo che sono i comuni più prossimi alla zona epicentrale”, ha detto Pierfrancesco De Milito, capo ufficio stampa della Protezione Civile intervenendo a ‘RaiNews 24’. “La tranquillità non è un atteggiamento da applicare al rischio sismico – ha aggiunto – ma sapendo che l’Italia è un paese esposto a questo rischio, non dobbiamo meravigliarci o spaventarci di scosse come queste”.

Il terremoto “è stato avvertito entro qualche decina di chilometri” ed è stato “avvertito da qualche milione di persone”, ha scandito a SkyTg24 il sismologo dell’Ingv, Alessandro Amato. Questo sisma, ha osservato l’esperto “ci ha svegliato bruscamente”.

Fonte Nuova – “La scossa si è sentita molto, si è sentito anche il boato tipico del terremoto. Molta gente qui è sensibile perché originaria di Amatrice o di zone vicine, c’è stato spavento e molti sono scesi in strada”. Così il sindaco di Fonte Nuova, Piero Presutti, racconta all’Adnkronos gli attimi successivi alla scossa di terremoto di magnitudo 3.3 registrata ieri stamattina con epicentro proprio vicino alla cittadina alle porte di Roma. “A parte la paura che c’è stata – sottolinea il sindaco – la situazione ora è tranquilla”. “La protezione civile ha effettuato verifiche”, continua il primo cittadino aggiungendo che al momento non risulta “nessun danno”.

Guidonia – “Sono stato insieme alla protezione civile e alla polizia locale, finora non c’è stata nessuna segnalazione importante: c’è stata molta paura, le persone sono scese in strada, ma fortunatamente non risultano danni a persone né a cose”, afferma all’Adnkronos Michel Barbet, sindaco di Guidonia Montecelio (Roma), uno dei paesi alle porte di Roma tra i più vicini alla scossa di terremoto di magnitudo 3.3 registrata stamattina.

Autore:

Data:

12 Maggio 2020