Traduci

SONDAGGI POLITICI SUI LEADER…CONTE UN PASSO DA DRAGHI E MELONI BATTE SALVINI

cms_21873/2.jpgSondaggi politici sui leader

Conte a un passo da Draghi e Meloni batte Salvini

Il presidente del Consiglio Mario Draghi batte il suo predecessore Giuseppe Conte di un solo punto. E’ il dato principale del sondaggio sulla fiducia nei leader politici dell’Istituto Piepoli (realizzato il 10 maggio, 500 casi e metodologia Cati-Cawi) e pubblicato da Affaritaliani.it.

Rispetto ai dati del 3 maggio, il capo dello Stato Sergio Mattarella risulta in rialzo al 62%, in seconda posizione il premier Draghi in rialzo al 59%, ma il nuovo capo del Movimento 5 Stelle Conte risulta vicinissimo al 58% (stabile). Fuori dal podio, in quarta posizione, il ministro della Salute Roberto Speranza al 45% (in salita).

Enrico Letta, segretario del Partito democratico, risulta in lieve rialzo al 34% in termini di fiducia. Poi il commissario europeo Paolo Gentiloni (33%, stabile). Entrambi al 31% i presidenti delle due Camere, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico (stabili). Al 30% il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti (stabile). Giorgia Meloni al 28% batte di un punto Matteo Salvini al 27%, entrambi stabili. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in leggero rialzo al 25%, Silvio Berlusconi stabile al 18%. In ultima posizione Beppe Grillo e Matteo Renzi, entrambi stabili al 10%.

cms_21873/1.jpgServizi, Draghi nomina Belloni direttore generale Dis

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato l’ambasciatore Elisabetta Belloni Direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, in sostituzione dell’attuale Direttore generale, prefetto Gennaro Vecchione. Lo si apprende da Palazzo Chigi.

Draghi ha preventivamente informato della propria intenzione il Presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir), Raffaele Volpi, e ha ringraziato il prefetto Vecchione per il lavoro svolto a garanzia della sicurezza dello Stato e delle istituzioni. La nomina è disposta sentito il Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica.

Ettore Sequi, attuale capo di gabinetto del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, è – a quanto si apprende – il nuovo segretario generale della Farnesina. L’ambasciatore prende il posto di Belloni.

“Rivolgo i miei sentiti e sinceri complimenti all’Ambasciatore Elisabetta Belloni per il nuovo incarico alla direzione del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) La vasta esperienza professionale ed il profilo umano sono doti che consentiranno un contributo saldo e costante alla sicurezza nazionale. Al Prefetto Mario Parente confermato alla guida dell’Aisi ribadisco la mia stima certo che possa dare continuità all’ottimo lavoro che sta svolgendo. A tutti e due i migliori auguri di buon lavoro nel comune supremo interesse della nostra Italia”, dice Raffaele Volpi, presidente del Copasir.

Romana, 63 anni il primo settembre, Belloni dal maggio del 2016 era alla guida della macchina della Farnesina, prima donna segretario generale del ministero degli Esteri.

Studentessa al liceo Massimo di Roma, lo stesso dove ha studiato Draghi, laureata in scienze politiche alla Luiss nel 1982, è entrata in carriera diplomatica nel 1985, ricoprendo incarichi, tra gli altri, a Vienna e Bratislava. Nel 2004, anche in questo caso prima donna a ricoprire questo ruolo, viene nominata capo dell’Unità di crisi della Farnesina, gestendo, tra le varie emergenze, i rapimenti di italiani in Iraq e in Afghanistan e lo tsumani nel sudest asiatico.

Dal 2008 al 2012 è direttore generale per la Cooperazione allo sviluppo e poi dal 2013 al 2015 assume le funzioni di direttore generale per le Risorse e l’innovazione. Promossa ambasciatore di grado nel 2014, nel 2015 è stata capo di gabinetto dell’allora ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Dal 5 maggio 2016 era la prima donna segretario generale della Farnesina. Negli anni il suo nome era più volte circolato come ministro degli Esteri e anche come capo del Dis.

cms_21873/3.jpegAmministrative, Letta: “A Torino e Roma nessuna possibilità di convergenza Pd-M5S”

“A Roma e Torino, due città dove nel 2016 il Pd ha straperso e dove sono andate al governo due sindache sul cui operato il nostro giudizio è negativo, non c’è possibilità di alcuna convergenza”. Lo dice il segretario del Pd, Enrico Letta, in un’intervista a ’Il Messaggero’.

“Il mio giudizio sulla Raggi è molto negativo – afferma Letta -. Roma ha perso veramente tante occasioni, è scesa nella scala italiana, europea, globale. Lo dico da cittadino, in primo luogo. E’ per questo che abbiamo deciso che non potevamo che andare al voto da soli, vista la volontà – legittima – di Virginia Raggi di candidarsi”.

“Detto questo, continua un nostro rapporto con il M5S – dice ancora il segretario dem -. Ma è evidente che queste amministrative potevano aiutare a fare passi avanti più solidi. Ora bisogna semplicemente e con grande pragmatismo prendere atto e andare avanti pensando che abbiamo fatto la scelta migliore”.

cms_21873/casaleggio_mic_red_fg.jpgM5S, Casaleggio: “Conte leader? Fino a ora solo mediatore”

“Conte leader M5s? Fino a ora ha fatto solo da mediatore tra M5s, Pd e Lega, non si è mai intestato alcuna battaglia politica. Vediamo quali sono le sue proposte e se e il caso di condividerle”. Così Davide Casaleggio al Tg de La7.M5s:

“I principi su cui io e mio padre abbiamo costruito questo progetto, la partecipazione dal basso, tutte le scelte importanti basate sugli iscritti, se questi principi fossero disconosciuti non si parlerebbe di evoluzione ma si tratterebbe di una fondazione un partito nuovo come ce ne sono stati tanti”, ha poi aggiunto.

Sulla cessione dei dati degli iscritti e la richiesta del rappresentate legale del tribunale di Cagliari, Casaleggio ha spiegato: “Dobbiamo capire quali sono i suoi poteri, adesso approfondiremo questa questione, la proprietà è sempre in carico a singoli iscritti, devono essere coinvolti e con il loro consenso si farà quello che si deve fare”.

Sul voto dell’organo collegiale, ha spiegato: “Approfondiremo tutte le richieste, siamo sempre stati di supporto al M5s e lo saremo anche in futuro”, ha scandito.

Autore:

Data:

13 Maggio 2021