Traduci

SPEDIZIONI DI ORO RUSSO NEGLI EMIRATI, CINA E TURCHIA

Gli Emirati Arabi Uniti stanno diventando un hub commerciale importante per l’oro russo, da quando le sanzioni occidentali sull’Ucraina hanno interrotto le maggiori rotte di esportazione della Russia.

Secondo i registri doganali, numerose spedizioni russe sono arrivate a Londra dopo l’inizio della guerra in Ucraina, ma prima che entrassero in vigore i divieti di importazione occidentali.

Alla U.S. banca JPMorgan (JPM.N) sono stati inviati 72,4 kg di oro, del valore di 4,5 milioni di dollari, di spedizioni nel mese di marzo e aprile dello scorso anno. Anche la società di sicurezza svedese Loomis (LOOMIS.ST) ha ricevuto 97,4 kg di oro del valore di 5,9 milioni di dollari tra marzo, maggio e giugno.

Le registrazioni doganali per le spedizioni a JPMorgan e alcune di quelle a Loomis hanno indicato la banca francese Societe Generale (SOGN.PA) come il destinatario.

Una fonte vicina alla banca Societe Generale ha dichiarato che mentre la banca non può commentare specifiche questioni dei clienti, tutte le operazioni di tale natura erano insediamenti di debito disposti prima della guerra in Ucraina e conterrebbe lingotti d’oro fatti prima del 7 marzo, 2022, quando la London Bullion Market Association vietò l’oro russo.

cms_30632/1.jpg

Loomis dal canto suo ha detto che non conduce affari con le parti sanzionate o beni sanzionati e non compra o prende la proprietà di beni, ma li trasporta solo per i propri clienti.

Il più grande gestore di esportazioni di oro russo rimane la Temis Luxury Middle East con sede negli Emirati Arabi Uniti, che ha importato 15,6 tonnellate di oro dal valore di 863 milioni di dollari tra febbraio e marzo di quest’anno.

Seguito da Transguard, che fa parte del gruppo Emirates, il conglomerato di compagnie aeree e hotel di proprietà del fondo patrimoniale dello stato del Golfo, con 14,6 tonnellate del valore di 820 milioni di dollari.

Quasi tutte le spedizioni di oro russo a Hong Kong e la Cina continentale sono state gestite da Vpower Finance Security Hong Kong Ltd, una società di logistica cinese. Si tratta di una spedizione di 20,5 tonnellate di oro del valore di 1,2 miliardi di dollari, tra maggio 2022 e marzo 2023.

Altre cinque società non russe hanno gestito più di una tonnellata di importazioni di oro dalla Russia. La maggior parte di queste spedizioni ha coinvolto anche Vpower, spedendo qualche tonnellata d’oro anche in Turchia.

Almeno due delle società menzionate nei registri doganali sono membri della London Bullion Market Association (LBMA). Vpower Finance Security è un membro a pieno titolo e Transguard un membro affiliato.

La LBMA ha detto che i membri e le raffinerie accreditate devono rispettare le sue regole, che includono il rispetto delle sanzioni USA, UK e UE contro la Russia.

Data:

26 Maggio 2023