Traduci

SULLA NUOVA VIA DELLA SETA

Un’intervista rivelatrice all’ANSA, quella concessa dal nuovo ambasciatore cinese insediato a Roma Jia Guide. Sono molti e importanti i temi trattati, dalla volontà di aumento di scambi internazionali nonostante il Covid a una cooperazione politica, passando per il rinnovo del memorandum sulla nuova Via della Seta. “Sono molto onorato di essere entrato in carica in qualità di ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia e, al contempo, percepisco profondamente l’importanza della mia missione. Ci troviamo, indubbiamente, in un momento in cui il mondo è tutt’altro che pacifico, ma io credo di aver iniziato la mia missione in Italia in un momento opportuno – asserisce Guide – Il XX Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, che si è svolto lo scorso ottobre, ha inviato al mondo un segnale chiaro: la politica della Cina, interna ed estera, continuerà a mantenersi stabile e continuativa. La Cina persisterà nella sua politica di riforma e apertura, nel perseguire lo sviluppo pacifico e continuerà a promuovere sviluppo e prosperità condivise per tutti i Paesi”.

cms_29364/Foto_1.jpg

Nel novembre dello scorso anno, il presidente Xi Jinping ha incontrato il primo ministro Meloni durante il vertice del G20 a Bali, i due capi di stato hanno espresso l’auspicio di rafforzare il dialogo e il contatto, migliorare la comprensione reciproca e continuare a promuovere la cooperazione bilaterale nei settori dell’economia, scambi commerciali, interpersonali e culturali. altro reparto. L’incontro ha formulato le linee strategiche per le relazioni bilaterali sino-italiane e ha dato nuovo slancio. Di fronte agli attuali tempi che cambiano, non dobbiamo solo tenere i piedi per terra, guardare al futuro, ma anche custodire la saggezza e l’esperienza del passato.

cms_29364/Foto_2.jpg

Sia l’Italia che la Cina sono paesi con civiltà antiche, ed è necessario ereditare ed ereditare ragionevolmente la tradizione dell’amicizia, comprendere e sostenere gli interessi e le preoccupazioni più importanti l’uno dell’altro. “I fatti vincono sulla retorica. Italia e Cina nel 2019 hanno siglato il memorandum di intesa sul Belt and Road, nel chiederci quale ruolo questo abbia avuto, non possiamo che guardare a una serie di dati e di fatti. Negli ultimi tre anni, l’interscambio bilaterale tra Italia e Cina ha affrontato gli ostacoli dovuti alla pandemia e segnato nuovi record, toccando, nel 2022, i 77,88 miliardi di dollari e ponendosi in prima linea a livello europeo tra i Paesi che hanno rapporti commerciali con la Cina – afferma, convinto, l’ambasciatore del Dragone – Il presidente Xi Jinping ha affermato che quella tra Italia e Cina sul Belt and Road è una cooperazione tra partner naturali”.

Data:

13 Febbraio 2023