Traduci

SULLE ALI DEL VENTO

cms_21530/1.jpgLe emozioni viaggiano sulle ali del vento e si fanno sussurro parola canto poesia inno alla speranza e alla vita. È tutto questo e molto altro la raccolta poetica di Dina Ferorelli “Guerrieri del vento” pubblicata dalla casa editrice barese Giuseppe Laterza Editore, nella collana di poesia “Terzo Millennio”. Siamo in Puglia.

Dina è stata docente di lettere, vive in un piccolo centro della provincia di Bari, a Bitetto, incantevole cittadina ricca di storia e di cultura a cui lei è molto legata; impegnata nella valorizzazione della cultura sul territorio, nello studio del dialetto bitettese. Ed ecco che la sua raccolta di poesie, da Bitetto comincia a prendere il volo! È stata presentata da qualche giorno in diretta Facebook nella rassegna “Libri in comune e…” ideata e condotta da tre donne straordinarie, promotrici di cultura, Francesca Marsico – Marisa Romeo Anna Elena Zammataro, sostenute dai rispettivi comuni di Cassano, Binetto, Cellamare e dalla Città Metropolitana di Bari.

Non potendo organizzare incontri in diretta la tecnologia è stata un utile supporto divulgativo. Si perché in questo libro si parla anche di tecnologia, si parla di social, di cellulari, di computer, di incontri virtuali. In poesia? Si…in poesia.

cms_21530/0.jpg“Guerrieri del vento” è una raccolta che ha varie anime. C’è l’incontro con la storia, la storia contemporanea, gli eventi che caratterizzano il nostro quotidiano. C’è l’amore per la “Bellezza del mattino”, l’amore uomo – donna, “Palpiti d’amore” e c’è l’uomo che si perde e che ritrova la rotta, l’invito ad aprire le ali, ad essere guerrieri, perché siamo tutti guerrieri, in un anelito verso l’infinito, verso un’entità superiore, il Dio che ci chiama alla vita che non va sciupata, va curata fin dal primo soffio, va salvaguardata.

“Un distillato di parole ed energia che mette in canto la vita, è olio che cura e guarisce, è testimonianza e condivisione, un’illuminazione, una fosforescenza di luce che travalica l’infinito”questo dice la poetessa della sua poesia nel suo intervento durante l’incontro.

Il linguaggio colto e variegato, è una “sinfonia di versi”, si inserisce nel percorso della poesia contemporanea facendo però percepire il “profumo della tradizione”, il “cuore antico della poesia italiana” come riferisce il prof. Mario Sicolo, giornalista e direttore del periodico “da Bitonto” nel suo intervento. La poetessa ci dona versi di grande intensità e bellezza che prendono per mano il lettore e lo accompagnano in un percorso d’anima tutto da scoprire, dove l’amore, il sogno, l’abbandono, la tristezza si susseguono e vibrano, suonano la loro sinfonia in un concerto fatto di parole. Non è la parola il primo strumento musicale che ci contraddistingue?

Questa è la poesia che non avrei / mai voluto scrivere”, esordisce la poetessa, avrebbe potuto parlare di primavere e di giardini in fiore, di cieli azzurri ma ci guida tra quei gironi danteschi che fanno rabbrividire, dove la “diritta via era smarrita” ma l’angelo della vita, come il maestro Virgilio indirizza, segna la svolta. “Spegni il cellulare”, un testo carico di forte valenza comunicativa. Non è un invito a escludere la tecnologia ma di farne un uso appropriato, dare spazio all’incontro, all’amore vero, alla riscoperta della natura da difendere, tornare a farla respirare.

L’opera è arricchita dagli acquerelli della pittrice Anna Mosaico, in arte Nanette che ha letto e interpretato i versi con la sua fervida creatività (“Blue Whale” 2019; “Nella rete” 2019; “Non dimenticarmi” 2019. Collezione privata).

cms_21530/2.jpg

“Nella rete” 2019, di Anna Mosaico in arte Nanette

cms_21530/3.jpg

“Non dimenticarmi” 2019, di Anna Mosaico in arte Nanette

Uno dei suoi testi più significativi:

Tanta bellezza

Meraviglia il mattino raggiante di luce

bellezza di ogni cosa creata

di noi che al mondo esistiamo

riconoscerci fratelli

prenderci cura della nostra diversità

Alleviare il dolore

riscoprire l’abbraccio

spogliarci di ogni arroganza

preparare il terreno seminare la pace

come gramigna estirpare

la banalità del male

radiare il silenzio dai cuori

L’unica arma

l’amore solidale

e noi guerrieri

nuovi crociati

a liberare il mare

a dare voce alla terra

riscoprirci custodi

di tanta bellezza e meraviglia

riscoprirci infinito

cms_21530/4.jpg

Bitetto, 24 settembre 2020 ‘Festa dei lettori’

Presentazione della raccolta poetica “Guerrieri del vento” di Dina Ferorelli, presso la Chiesa di Santa Maria la Veterana a Bitetto

La presentazione della raccolta poetica al link:

https://www.facebook.com/watch/?v=3825798337510809

Autore:

Data:

10 Aprile 2021