Traduci

SUPERATI I 2,3 MLN DI MORTI NEL MONDO. VACCINO,EMA:”CON QUESTO RITMO NORMALITA’ A FINE ANNO”

cms_20892/johns-hopkins-university-1580683593.jpg

Superati i 2,3 milioni di morti nel mondo

Nel mondo sono oltre 105 milioni i casi di covid-19 e oltre 2,3 milioni il numero dei morti. E’ quanto emerge dai dati pubblicati dalla Johns Hopkins University. A livello globale i contagiati sono 105.763.135 mentre il numero dei decessi si attesta a 2.309.350.

Gli Stati Uniti restano il Paese più colpito, con oltre 26,9 milioni di positivi (oltre 462 mila i morti). Seguono l’India (10,8 milioni di casi e circa 155 mila morti), il Brasile (9,4 milioni di casi e oltre 230 mila morti) e il Regno Unito (3,9 milioni di positivi e 112 mila morti).

cms_20892/Agenzia_Europea_per_i_Medicinali.jpg

cms_20892/Marco_Cavaleri,_responsabile_vaccini_e_prodotti_terapeutici_Covid_.jpgVaccino Covid, Ema: “Con questo ritmo normalità a fine anno”

“Se la campagna vaccinale prosegue in questo modo, penso che le cose cambieranno a fine anno: si potrà ritrovare la normalità”. Lo ha detto Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici Covid all’Agenzia europea del farmaco (Ema), intervenuto ’The Breakfast Club’ su Radio Capital. “Mi auguro – ha sottolineato Cavaleri – che la crisi di governo non abbia ripercussioni sulla campagna vaccinale, ma è difficile dirlo. Vedo lavorare grandi professionisti in Italia, che sta andando anche meglio di altri Paesi europei.

Sul rimandare il richiamo per utilizzare le dosi disponibili su una platea più ampia come fa la Gran Bretagna Cavaleri dissente: “Meglio evitare, non andrei oltre le sei settimane di intervallo tra una dose e l’altra”.

Quanto al vaccino AstraZeneca “è un vaccino sicuro per gli anziani però – ha spiegato – in quanto a protezione non abbiamo dati sufficienti per stabilirne l’efficacia effettiva. La risposta immunitaria vista negli anziani è piuttosto buona e simile a quella vista negli adulti. Di fronte a queste incertezze è comprensibile però che le nazioni lo indirizzino ad altre fasce d’età.

Sul “candidato vaccino Johnson & Johnson, ci stiamo già attrezzando per capire la tempistica per l’approvazione. Credo che a inizio marzo dovremmo esserci”.

cms_20892/4.jpg

cms_20892/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 13.442 contagi e altri 385 morti

Sono 13.442 i contagi da coronavirus in Italia a ieri, 6 febbraio, resi noti nel bollettino della Protezione Civile pubblicato dal ministero della Salute.

Sono stati registrati altri 385 morti che portano il totale delle vittime a 91.003 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia di covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 282.407 tamponi, l’indice positività è al 4,76%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.110, con un calo di 32 unità.

cms_20892/italia.jpg

I dati dalle regioni

Lombardia

Sono 1.923 i nuovi contagi da Coronavirus in Lombardia secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 50 morti. Il numero di guariti/dimessi è pari a 1.766 persone.

Liguria

Sono 276 i nuovi contagi da Coronavirus in Liguria secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 28 morti, di cui 15 risalenti ai mesi precedenti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 3850 tamponi. Dal bollettino quotidiano emergono in tutto 670 pazienti ospedalizzati nelle strutture della Liguria, 23 in meno, dei quali 61 sono ricoverati nei reparti di terapia intensiva. A ieri in isolamento domiciliare si trovano 3924 persone.

Toscana

Sono 708 i nuovi contagi di Coronavirus in Toscana secondo il bollettino di ieri, 6 febbraio, anticipato dal presidente della regione Eugenio Giani. “I nuovi casi registrati in Toscana sono 708 su 16.803 test di cui 10.587 tamponi molecolari e 6.216 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,21% (9,0% sulle prime diagnosi)”, annuncia Giani su Facebook. I morti sono stati undici.

Basilicata

Sono 87 i nuovi casi positivi al Sars Cov2, di cui 82 riguardanti residenti in Basilicata, su un totale di 1268 tamponi molecolari registrati ieri in Basilicata. Lo rende noto la task force regionale con il consueto bollettino. Nella stessa giornata si registrano ben 6 decessi, di cui 5 lucani, residenti a Calvello, Matera (domiciliato a Potenza), Rionero in Vulture, Sant’Arcangelo (domiciliato a Brienza) e Satriano di Lucania, ed un cittadino della Campania. I lucani guariti sono 46.

Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 225.545 casi di positività, 1.383 in più, su un totale di 28.369 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 4,9%. Si registrano, inoltre, 44 nuovi decessi.

Lazio

Sono 1.014 i nuovi contagi da Coronavirus nel Lazio secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 38 morti. “Voglio lanciare un appello al rispetto del distanziamento e all’utilizzo della mascherina, altrimenti ci troveremo costretti di nuovo ad applicare misure restrittive” avverte Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, nel bollettino quotidiano sulla situazione di Covid-19 a Roma e nelle province.

Friuli Venezia Giulia

Sono 309 i nuovi contagi da Coronavirus in Friuli Venezia Giulia secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 17 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati fatti 5.701 tamponi molecolari. Calano i ricoveri nelle terapie intensive (63) così come quelli in altri reparti (533). Salgono complessivamente a 2.547, dunque, i decessi: 584 a Trieste, 1.240 a Udine, 555 a Pordenone e 168 a Gorizia. I totalmente guariti sono 54.764, i clinicamente guariti salgono a 1.644, mentre diminuiscono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.276. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 69.827 persone: 13.823 a Trieste, 30.987 a Udine, 15.834 a Pordenone, 8.349 a Gorizia e 834 da fuori regione.

Sardegna

Sono 125 i nuovi contagi da Coronavirus in Sardegna secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 6 morti. Da lunedì l’isola tornerà zona gialla. I tamponi in più eseguiti sono stati 2.754, con un tasso di positività che ieri era del 4,5%. I pazienti attualmente ricoverati in ospedale sono 394 (-9 rispetto al dato di ieri), 31 (+2) quelli in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare, invece, sono 14.223, 402 quelle in più guarite. Dei 39.373 casi positivi complessivamente accertati, 9.091 (+26) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.336 (+16) nel Sud Sardegna, 3.315 (+15) a Oristano, 7.870 (+16) a Nuoro, 12.761 (+52) a Sassari.

Puglia

Sono 926 i nuovi contagi da Coronavirus in Puglia secondo il bollettino reso noto ieri. Sono stati registrati altri 31 morti. Scende di nuovo sotto mille il numero di nuovi casi positivi al Covid19 oggi in Puglia a fronte di una certa stabilità dei test. Ieri sono stati fatti 9.830 tamponi. In tutto i morti in Puglia dall’inizio della pandemia sono stati 3.391. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.366.157 test. I pazienti guariti sono ora 73.859 rispetto ai 73.013 di ieri (+846). Tornano a salire i casi attualmente positivi: sono 51.075 (+49). I ricoverati sono 1.584. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza è di 128.325.

Calabria

In Calabria a ieri sono stati sottoposti a test 504.906 soggetti per un totale di tamponi eseguiti pari a 534.256 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test). Le persone risultate positive al Coronavirus sono 34.064 (+197), quelle negative 465.794. Sono questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute, che fanno registrare, inoltre, +1 terapie intensive, 398 guariti/dimessi e altri 4 decessi.

Sicilia

Sono 836 i nuovi casi di Covid 19 oggi in Sicilia su 25.710 tamponi. Secondo il bollettino odierno i morti per Coronavirus sono stati 23 nell’isola, mentre sono 1.101 i pazienti dimessi o guariti. Nell’isola al momento ci sono 39.266 positivi – 288 in meno – di cui 1.228 ricoverati in regime ordinario, 177 in terapia intensiva e 37.861 in isolamento domiciliare.

Data:

7 Febbraio 2021