Traduci

Taranto…Premio Nilde Iotti

Nei giorni scorsi, presso il salone di rappresentanza della Provincia di Taranto , ha avuto luogo il Premio Nilde Iotti , intitolato alla prima donna nella storia dell’Italia repubblicana che ha ricoperto una delle tre massime cariche dello Stato, la presidenza della Camera dei deputati, oltre ad essere una figura di primo piano della storia politica d’Italia .

cms_5750/DSC_8385.jpg

Ospite d’eccezione è stata la seconda carica dello stato : il Presidente del Senato sen. Pietro Grasso il quale ha assicurato , durante l’incontro con la stampa , la vicinanza dello stato alla città con un nuovo stanziamento di circa novecento milioni di euro destinati alle bonifiche ambientali, oltre a sottolineare l’importanza del ruolo della donna definita ” parte trainante della società ” , in grado di rivestire ruoli diversi sempre al top . E alle donne è dedicato il premio , a figure femminili della nostra città che si sono distinte nei vari ambiti professionali e non .

cms_5750/DSC_8587.jpg

cms_5750/DSC_8506.jpg

L’evento , a cui hanno preso parte anche il vice ministro on. Teresa Bellanova, il sindaco di Taranto dott . Ippazio Stefano, il presidente della regione Puglia, Emiliano, il Magnifico Rettore dell’Università di Bari, Antonio Uricchio, il Prefetto dott . Cafagna, il Questore dott. Scrimera ed altre autorità civili e militari , ha avuto inizio con la proiezione di un video di immagini di donne importanti che si sono distinte nel mondo per le loro azioni e per i loro studi .

cms_5750/Convegno_Taranto_Nilde_Iotti.jpg

La commissione , presieduta dalla dott .ssa Maria Vittoria Colapietro era composta dalla direttrice del carcere dr.ssa Stefania Baldassari, dalla psicologa dott .ssa Giusi Boccuni, dalla dott .ssa Patrizia Borgia, e dalla presidente del Crest dr.ssa Clara Cottino.

cms_5750/DSC_8460.jpg

La sociologa presidente della giuria dott.ssa Colapietro ha elencato le tre ragioni per cui si è pensato di dar vita al Premio Nilde Iotti: in primo luogo esiste un’importante imprenditoria femminile che va sostenuta ; in secondo luogo è da sottolineare la trasversalità di un premio libero da legami di appartenenza ; in terzo luogo infine questo premio dovrebbe dare avvio ad una collaborazione tra i due mondi maschile e femminile , garantendo una complementarietà dei ruoli . Hanno preso quindi la parola per brevi interventi il Presidente del Senato , il vice ministro , il Sindaco , il Presidente della regione e il rappresentante della Provincia on.Bitetti . Le donne premiate sono state le seguenti: Antonella Cannarozzi ( arti visive, costumi e cinema ), Cinzia Cardone ( imprenditoria e innovazione ), Silvia De Vitis ( impegno scolastico, culturale e studi della Magna Grecia ), Donatella Di Summa ( commercio ), Rossella Fiore ( impegno sociale e civile a favore degli immigrati ), Sabrina Morea ( promozione eventi culturali ), Daniela Musolino ( promozione turistica ), le sorelle Eleonora, Fiorella e Valentina Occhinegro, rappresentanti dell’ A.B.F.O. ( impegno sociale ), Claudia Panessa ( associazionismo ), Antonella Viola ( ricerca scientifica ), Cristina Zagaria ( scrittura e giornalismo), Federica De Luca, vittima di femminicidio la cui premiazione alla memoria, ha suscitato grandissima commozione con tanto di standing ovation, per le parole di ricordo pronunciate da sua madre, delegata a ritirare il premio.

cms_5750/DSC_8638.jpg

La cerimonia di premiazione si è conclusa con alcuni omaggi alle autorità presenti tra cui un quadro-mosaico dell’artista Daniela Capochiani che la presidente della commissione giudicatrice del premio dott.ssa Colapietro ha consegnato al Presidente Grasso .

Data:

12 Marzo 2017