Traduci

TRA GLI USA E I TALEBANI, NESSUNA INTESA

Nelle scorse settimane, sia dai vertici diplomatici Taliban a Doha che dall’inviato di pace americano in Afghanistan, Zalmay Khalilzad, giungevano notizie circa un’imminente chiusura dell’accordo di pace tra i ribelli col turbante e gli Stati Uniti. In principio una stretta di mano c’era stata, si attendeva solamente la definitiva approvazione del presidente degli Stati Uniti, dando via alla seconda fase del processo di pacificazione nel Paese, quello più complicato tra il governo di Kabul, gli stessi Taliban e le varie realtà etniche e di potere nello Stato dell’Asia centrale. Ma l’inquilino della Casa Bianca ferma tutto. Egli stesso ha annunciato su Twitter di aver sospeso un incontro segreto con i principali leader talebani e, a parte, con il presidente afghano Ashraf Ghani, che si sarebbe dovuto svolgere l’8 settembre a Camp David. Inoltre il presidente ha annunciato di aver sospeso anche i colloqui di pace. La decisione è nata dopo che i talebani hanno rivendicato un attacco a Kabul nel quale a perdere la vita sono stati 12 persone e tra questi vi era un soldato americano, il sergente Elis A. Barreto Ortiz. Si tratta del quarto soldato Usa a perdere la vita nel giro di due settimane. Donald Trump scrive: “Ho immediatamente cancellato l’incontro e annullato negoziati di pace. Che genere di gente ucciderebbe così tante persone per cercare di rafforzare la propria posizione di contrattazione?

cms_14118/2.jpg

Il presidente Trump ha preso la giusta decisione. Gli Stati Uniti non faranno alcun accordo con chi continua a seminare violenza” dice invece il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, dichiarando inoltre che: “Gli Usa ridurranno le loro truppe solo se cambiano le condizioni di sicurezza”. Il governo afghano, dopo lo stop ai colloqui, ha incriminato i talebani la piena responsabilità dell’annuncio di Trump. Si legge in una dichiarazione pubblicata dal palazzo presidenziale a Kabul: “L’attuale ostacolo sulla strada del processo di pace si deve alla continua violenza e ai combattimenti opera dei Talebani”. La settimana scorsa un portavoce Talebano aveva parlato di accordo vicino al termine dei negoziati a Doha. Affinché si possano portare avanti i colloqui di pace è necessario che i Taliban mostrino un impegno concreto.

Data:

9 Settembre 2019