Traduci

Trema il salernitano: scossa 4.3 a Orria

Trema il salernitano: scossa 4.3 a Orria

cms_14275/sismografo_xin.jpg

Una scossa di magnitudo 4.3 della scala Richter è stata registrata questa sera alle 21,55 con epicentro a due chilometri a nord di Orria, in provincia di Salerno. Ne dà notizia l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

“Cinque proposte contro crescita zero”

cms_14275/metalmeccanici_industria_FTG_3-3-62285603.jpg

Per rilanciare la crescita dell’Italia che è virtualmente a zero (+0,2%) da almeno vent’anni la Cgia di Mestre propone al nuovo governo cinque interventi mirati in particolar modo sulle esigenze delle Pmi che costituiscono il tessuto connettivo del Paese. Il primo è la forte riduzione delle tasse e la semplificazione del sistema tributario, con uno choc fiscale che riduca, in 3 anni, la pressione fiscale di almeno 5 punti percentuali. Fra le misure possibili, spiega la Cgia, il taglio del cuneo fiscale, l’eliminazione dell’Irap per le micro e piccole imprese e dello split payment, il reverse charge nell’edilizia e la riduzione progressiva degli acconti Irpef, Ires, Irap e Inps.

Il secondo intervento dovrebbe puntare a favorire l’accesso al credito, visto che dal 2011 ad oggi gli impieghi alle imprese sono diminuiti del 27 per cento. Magari con uno speciale finanziamento della Bce alle banche con vincolo di destinazione a favore delle micro e piccole imprese.

La Cgia propone quindi di tornare ad investire, visto che rispetto al 2007 (anno pre-crisi) in Italia gli investimenti sono crollati di quasi 20 punti percentuali.

Il quarto punto per il rilancio della nostra economia dovrebbe essere poi l’incentivazione degli interventi per il lavoro e la formazione, soprattutto quella “professionalizzante in un’ottica di filiera che metta a regime il sistema duale (alternanza scuola/lavoro e apprendistato), aiutando economicamente gli istituti tecnici e professionali di ’frontiera’”.

Infine la Cgia invita a sostenere l’impresa 4.0 – con una attenzione anche alle micro imprese e a quelle artigiane – e l’utilizzo del digitale fornendo “le stesse corsie preferenziali burocratiche e le medesime risorse speciali attribuite alle start-up e Pmi tecnologiche”.

Uno dei problemi della nostra economia – commenta il coordinatore dell’Ufficio studi Cgia, Paolo Zabeo – è il persistere di forti squilibri territoriali tra Nord e Sud: “Negli ultimi 20 anni, ad esempio, il Settentrione è cresciuto del 7,5 per cento, il Mezzogiorno, invece, è crollato di 6 punti percentuali. Sempre in questo arco temporale, la crescita media annua registrata nel Settentrione è stata dello 0,4 per cento, pari al doppio del risultato medio nazionale. Nel Meridione, invece, il Pil medio annuo ha subito una contrazione dello 0,3 per cento”.

Nuovo sbarco a Lampedusa

cms_14275/migranti80_fg_3-5-2847848160.jpg

Nuovo sbarco sull’isola di Lampedusa. Questa volta sono 92 i migranti arrivati a bordo di un’imbarcazione in legno. Quaranta donne, 41 uomini e 11 bambini provenienti dal Mali, Costa d’avorio, Senegal Gambia, Tunisia. La barca era alla deriva ed è stata soccorsa dalla Guardia di Finanza e dalla Guardia Costiera. I migranti sono stati trasferiti all’hotspot di contrada Imbriacola.

Roma, autista bus pestato da 8 ragazzi
cms_14275/Bus_Roma_Ftg_IPA.jpg

Autista aggredito venerdì sera a Roma. “Esprimo solidarietà all’autista del bus della linea 46” twitta la sindaca di Roma Virginia Raggi, in merito all’aggressione avvenuta in via Boccea da parte un gruppo di otto ragazzi. “Sono episodi inaccettabili e vergognosi, Roma non tollera la violenza”.

Il ragazzo era sull’autobus insieme con altri giovani e uno di loro ha sbloccato la leva di emergenza. A quel punto l’autista è uscito dalla cabina e in tutta risposta è stato aggredito con un pugno sul naso, cadendo a terra. Secondo alcuni testimoni, una volta a terra, sarebbe stato preso anche a calci. Gli otto giovani, tutti italiani, sono fuggiti, quattro a bordo di un taxi e quattro a piedi. Sul posto, intorno a mezzanotte, sono arrivate le volanti della polizia che, sentiti i testimoni presenti, si sono messe subito alla ricerca dei ragazzi nella zona di Trastevere e Campo de’ Fiori. E’ stato un intervento lampo che, nel giro di mezz’ora, ha portato i poliziotti a rintracciare i giovani, mentre camminavano sul Lungotevere dei Tebaldi. Gli agenti hanno riconosciuto l’aggressore, il 17enne che ha poi ammesso il fatto, dalle descrizioni dei testimoni e lo hanno bloccato. Anche gli altri ragazzi che erano con lui sono stati identificati e ora le loro posizioni sono al vaglio della polizia del commissariato Aurelio che sta cercando di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. Dai primi elementi emersi sarebbe lo stesso 17enne responsabile dell’aggressione ad aver azionato la leva di emergenza. E’ stato denunciato, dovrà rispondere dell’accusa di lesione e interruzione di pubblico servizio. L’autista del bus ha riportato una frattura nasale ed è stato ricoverato al Gemelli con una prognosi di 30 giorni.

Stupro Viterbo, giudizio immediato per Chiricozzi e Licci

cms_14275/chiricozzi_ig_2_.jpg

Il gip Rita Cialoni ha disposto il giudizio immediato per Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci, i due ex militanti di Casapound arrestati per lo stupro al pub Old Manners di Viterbo. A quanto si apprende, l’udienza è stata fissata per il 26 novembre.

Il gip ha dunque accolto la richiesta di giudizio immediato presentata dal pubblico ministero Michele Adragna. I due giovani, arrestati il 29 aprile scorso, si trovano agli arresti domiciliari da quanto, il 13 settembre scorso, è stata accolta la richiesta di attenuare la misura cautelare nei loro confronti.

Autore:

Data:

22 Settembre 2019