Headlines

Traduci

TRIONFO DUCATI AL MUGELLO

È una vera festa al Mugello per il Gran Premio d’Italia di Moto GP. Un vero bagno di folla, con indosso soprattutto magliette gialle con il numero 46 stampato, assiepata in ogni punto del circuito fiorentino ad assistere alla sfida delle sfide della top class dei motori. In pole position Valentino Rossi con al fianco Jorge Lorenzo che promette battaglia dopo le modifiche al serbatoio della sua desmosedici. A pochi minuti dal semaforo verde, l’inno di Mameli suona mentre sfrecciano le Frecce Tricolori. Fa molto caldo e la temperatura dell’asfalto raggiunge quasi i 50°.

cms_9360/Foto_1.jpg

La scelta dei pneumatici è determinante per la tenuta di gara fino alla fine dei 23 giri. Parte la gara, settima prova del mondiale, con Jorge Lorenzo (Ducati) che stacca subito Rossi guadagnando la prima posizione. Marquez (Honda) nel tentativo di risalire dalla sesta posizione, nella prima curva rischia di mandare Petrucci (Ducati-Pramac) lungo disteso sulla ghiaia. Non si è completato neanche un giro che Pedrosa (Honda) cade, rientrando ai box. Nel Frattempo, dopo tre giri, il campione in carica aggredisce la pista portandosi alle spalle di Lorenzo; ma al sesto stacca largo in curva finendo fuori pista; riesce a rientrare, ma solo in ultima posizione. A 14 dal termine, Rossi inizia a perdere posizione favorendo Andrea Dovizioso (Ducati), Petrucci e Iannone (Suzuky).

cms_9360/Foto_2.jpg

Un altro giro e Rossi, al Correntaio, si riprende la quarta posizione. Le gomme, fino a questo punto, stanno condizionando la corsa di molti piloti. Mancano sette al termine e inizia l’altalena di sali e scendi dalla terza posizione in giù. Protagonisti: Rossi, Petrucci, Iannone. E con il pilota italiano della Suzuky attaccare il Dottore alla staccata di San Donato, senza riuscire a sorpassarlo. Il gran premio si conclude con la splendida vittoria di Lorenzo d’avanti a Dovizioso (+6.370s) e Valentino Rossi (+6.629s). Al 4° posto Iannone e 5° lo spagnolo Rins (Suzuky). Con la prova di oggi e la caduta di Marquez, il mondiale resta molto aperto con il catalano in testa a 95 punti, Rossi 72 pt, Vinales 67 pt, Dovizioso 66 e Zarco 62 pt. Arrivederci il 17 giugno al GP di Catalogna.

Jorge Lorenzo – “Raccogliere il successo con la Ducati al Mugello è stupendo ma vincere dopo un anno e più è ancora più importante. Ho fatto il più grande cambio di stile di guida della mia carriera ed ero preoccupato. Sapevo che avevo bisogno di sentire più energia, di essere più a mio agio con la moto. Grazie alla modifica del serbatoio mi sono sentito subito meglio da venerdì e sono riuscito a mantenere un passo più costante. Sono molto contento, è speciale vincere qui con la Ducati”.

Andrea Dovizioso – “Non sono contento al 100% perché credo che abbiamo sbagliato la scelta della gomma anteriore, non ho potuto spingere dal primo giro, non potevo stare con Jorge. Weekend difficile e andiamo a casa con 20 punti importantissimi, che erano la priorità. Peccato per la scelta della gomma dura davanti, è stata sbagliata perché avevamo poco grip e non riuscivamo ad attaccare. Faccio i complimenti a Lorenzo che ha azzeccato tutto, peccato perché sapevo di potermela giocare”.

Valentino Rossi – “Sono molto contento di questo risultato perché il mio obiettivo era cercare di salire sul podio qui davanti al pubblico di casa e a tutti i miei tifosi; ma per essere in lotta in campionato dobbiamo essere più veloci. Ci manca ancora qualche cosa e dobbiamo riuscire a mettere in pista prestazioni migliori durante la corsa”.

(Foto dal sito web della Moto GP: si ringrazia)

Data:

3 Giugno 2018