Traduci

Trump trashes the media after more sexual misconduct accusations reported

After two more women told stories of alleged groping, the Republican nominee claimed the New York Times was part of a Mexican conspiracy to undermine him.

cms_4712/1.jpg

Donald Trump disassembled his teleprompter during a North Carolina rally on Friday night, in the same week that he boasted on Twitter Tuesday about having his “shackles off”.

The Republican nominee, who saw further accusations of groping on Friday from two different women, responded by trashing the media. Speaking to a crowd in Greensboro, North Carolina, he seemed to allege that the New York Times was part of a Mexican conspiracy to undermine him.

cms_4712/2.jpg

“The largest shareholder in the Times is Carlos Slim,” Trump said. “Now, Carlos Slim comes from Mexico. He’s given many millions of dollars to the Clintons and their initiative.” In Trump’s conclusion, “reporters of the New York Times, they’re not journalists, they’re corporate lobbyists for Carlos Slim and for Hillary Clinton”.

The Republican nominee denounced the media in more abstract terms in his rally in Charlotte, insisting that the press was responsible for “rigging the system” as well as the coming election.

The Republican nominee also insisted that he could not have sexually harassed Jessica Leeds, a businesswoman who said Trump groped her on a 1979 flight because Leeds was unattractive. “Believe me – she would not be my first choice, that I can tell you.”

cms_4712/3.jpg

The candidate’s campaign also rolled out an eyewitness who claimed that he was sitting across from Leeds and Trump and that nothing ever happened. The witness, Anthony Gilberthorpe, an Englishman who would have been a teenager at the time that he said he was flying first class on the domestic US flight, has also claimed that he procured underage male prostitutes for British MPs and that Margaret Thatcher covered up the scandal.

A campaign aide told the Guardian that Gilberthorpe was “just the beginning” in their effort to fight back against the allegations of sexual misconduct.

cms_4712/4.jpg

Trump denied all accusations against him and suggested that women coming forward might be motivated for “financial reasons”. He told the crowd in Charlotte, North Carolina, “these allegations are 100% false. They are made up, they never happened. When you have met tens of thousands people as I have … it’s not hard to find a small handful of people make false smears for personal fame, maybe financial reasons.”

cms_4712/5.jpg

The controversy over Trump’s sexual misconduct towards women was launched last Friday when a 2005 tape emerged of the Republican nominee discussing kissing and grabbing women by the genitals without their consent. After repeated questioning during Sunday’s presidential debate, Trump eventually said that he had never engaged in such actions. Since then nearly a dozen women have accused Trump of inappropriate, unwanted sexual conduct including groping them, putting his hand up skirts and barging in on dressing rooms.

cms_4712/6.jpg

In addition to commenting on Leeds’ attractiveness, Trump also appeared to attack the appearance of his rival Clinton. Referring to the second presidential debate in St Louis, he said: “I’m standing at my podium and she walks in front of me, she walks in front of me and when she walks in front of me, believe me, I wasn’t impressed.” Later, in Charlotte, he added of his opponent that “she was the most corrupt person to ever seek the presidency of the United States and her specialty has been, as you see over the years, it’s character assassination”.

cms_4712/7.jpg

The Republican nominee eventually reverted to standard lines from his primary campaign after his teleprompter broke down on Friday night at a rally in Charlotte. Trump laid the devices on the stage before returning to old chestnuts, including his attack on the Obama administration’s concern over climate change. “Obama thinks global warming is our biggest threat. I happen to think it’s nuclear warming,” Trump said. He also went to jab at former rival Jeb Bush, using the epithet “low energy” while going on a tirade about primary opponents who signed the RNC pledge to support the eventual nominee but are now not backing Trump.

cms_4712/8.jpg

The day after Trump spoke in ominous tones about global elites and Hillary Clinton meeting “in secret with international banks,” President Barack Obama bashed those comments in a campaign trip to Cleveland. “This is a guy who spent all his time hanging around trying to convince everybody he was a global elite,” Obama said, laughing. “Talking about how great his buildings are, how luxurious and how rich he is and flying around everywhere. All he had time for was celebrities and now suddenly he’s acting like he’s a populist out there. I’m going to fight for working people.” Obama added, “Come on, man.”

cms_4712/9.jpg

On a fundraising swing in Seattle, Clinton expressed disappointment in the tenor of the campaign. “This election is incredibly painful. I take absolutely no satisfaction in what is happening on the other side with my opponent,” Clinton said at a stop at a campaign office in Seattle. “I am not at all happy about that, because it hurts our country, it hurts our democracy, it sends terrible messages to so many people here at home and around the world. Damage is being done that we’re going to have to repair. Divisions are being deepened that we’re going to have to try to heal.”

cms_4712/10.jpg

Clinton has no public events scheduled Saturday as both candidates prepare for the final presidential debate to be held Wednesday in Las Vegas. Trump will speak at an event at a Portsmouth, New Hampshire, car dealership before holding a rally in Bangor, Maine.

cms_4712/italfahne.jpgTrump cestina i media dopo la segnalazione di varie accuse di cattiva condotta sessuale.

Dopo che altre due donne hanno raccontato storie di presunte violenze, il candidato repubblicano ha affermato al New York Times che è vittima di una cospirazione per allontanare gli elettori messicani. Donald Trump ha smontato il suo telepromoter durante una manifestazione in North Carolina venerdì sera, nella stessa settimana in cui si vantava su Twitter di avere le sue “catene off”.

Il candidato repubblicano, che è stato oggetto di ulteriori accuse di molestie venerdì scorso da due donne diverse, ha risposto di provare rigetto per i media. Parlando ad una folla a Greensboro, nel North Carolina, ha sostenuto che il New York Times è stato parte di una cospirazione per minare la fiducia dell’elettorato messicano.

“Il più grande azionista del Times è Carlos Slim”, ha detto Trump. “Ora, Carlos Slim viene dal Messico. Ha dato molti milioni di dollari per i Clinton e la loro iniziativa. Trump ha concluso, ha detto il reporter del New York Times, che “i giornalisti sono lobbisti aziendali per conto di Carlos Slim e di Hillary Clinton”. Il candidato repubblicano ha denunciato i media in termini più astratti nel suo comizio a Charlotte, insistendo sul fatto che la stampa era responsabile di “raggirare il sistema”, così come le prossime elezioni.

Il candidato repubblicano ha anche insistito sul fatto che egli non avrebbe potuto molestare sessualmente Jessica Leeds, una donna d’affari che ha incontrato su un volo nel 1979 perché la Leeds era poco attraente. “Mi creda – non sarebbe la mia prima scelta, che vi posso dire” ha ripetuto ai giornalisti.

La campagna del candidato ha anche avuto un testimone oculare che ha sostenuto che era seduto di fronte alla Leeds e a Trump e che non era successo nulla. Il testimone, Anthony Gilberthorpe, un inglese che sarebbe stato un adolescente nel momento in cui ha detto che stava volando in prima classe sul volo domestico degli Stati Uniti, ha anche affermato di aver procurato prostituti maschi minorenni per i parlamentari britannici e che per questo la allora primo ministro Margaret Thatcher fu investita dallo scandalo.

Un aiutante della campagna presidenziale ha detto al Guardian che Gilberthorpe era “solo l’inizio” nel loro sforzo di combattere contro le accuse di cattiva condotta sessuale.

Trump ha negato tutte le accuse contro di lui e ha suggerito che le donne che si fanno avanti potrebbero essere motivate da “motivi economici”. Ha detto alla folla a Charlotte, North Carolina, “queste accuse sono false al 100%. Esse sono costruite, non sono mai accadute. Dopo aver incontrato decine di migliaia di persone come faccio… non sarebbe difficile trovare una piccola manciata di persone che muovono false accuse solo per fama personale, forse ragioni finanziarie”. La controversia sulla cattiva condotta sessuale di Trump verso le donne è stata lanciata venerdì scorso, quando da un nastro del 2005 è emerso che il candidato repubblicano parlava di baci e afferrava donne dai genitali senza il loro consenso. Dopo l’interrogatorio ripetuto durante il dibattito presidenziale di domenica, Trump alla fine ha detto che non era mai stato impegnato in tali azioni. Da allora quasi una dozzina di donne hanno accusato Trump di inappropriata condotta sessuale indesiderata comprese molestie, mettendo la mano sotto le gonne e irrompendo negli spogliatoi.

Oltre a commentare la Leeds, Trump è apparso anche per attaccare l’aspetto della sua rivale Clinton. Riferendosi al secondo dibattito presidenziale a St. Louis, ha detto: “Sono in piedi al mio podio e lei cammina davanti a me, lei cammina davanti a me e quando cammina davanti a me, mi creda, non sono impressionato”. Più tardi, a Charlotte, ha aggiunto del suo avversario che “lei è la persona più corrotta di cercare sempre la presidenza degli Stati Uniti e la sua specialità è stata, come si vede nel corso degli anni, il suo carattere assassino”.

Il candidato repubblicano alla fine è ritornato sulle linee standard della sua campagna per le primarie durante una manifestazione a Charlotte. Trump ha posto i dispositivi sul palco prima di tornare a vecchi castagni, tra cui il suo attacco alla preoccupazione dell’amministrazione Obama per il cambiamento climatico. “Obama pensa che il riscaldamento globale sia la nostra più grande minaccia. Mi capita di pensare che sia il riscaldamento nucleare “, ha detto Trump. Ha anche mandato un colpo all’ex rivale Jeb Bush, con l’epiteto di “bassa energia”, mentre andando su una filippica su avversari principali che hanno firmato il RNC impegnano a sostenere l’eventuale candidato, ma ora non stanno sostenendo Trump.

Il giorno dopo Trump ha parlato in toni minacciosi circa le élite globali e l’incontro con Hillary Clinton “in segreto con banche internazionali”, il presidente Barack Obama ha sbattuto tali osservazioni in un viaggio nella campagna del Cleveland. “Questo è un ragazzo che ha trascorso tutto il suo tempo in giro cercando di convincere tutti che era un elite globale”, ha detto Obama, ridendo. “Parlare di quanto grandi sono i suoi edifici, come lussuoso e ricco chi, come lui, vola tutti i giorni in giro per il mondo. Tutto quello che aveva era il tempo per le celebrità e ora, improvvisamente, si comporta come se fosse un populista là fuori. Ho intenzione di lottare per le persone che lavorano”. Obama ha aggiunto: “Andiamo, amico”.

In una campagna di raccolta fondi a Seattle, Clinton ha espresso delusione per il tenore della campagna. “Questa elezione è incredibilmente dolorosa. Prendo assolutamente alcuna soddisfazione in ciò che sta accadendo dall’altra parte con il mio avversario “, ha detto Clinton in una sosta in un ufficio della campagna a Seattle. “Non sono affatto contenta di questo, perché fa male per il nostro paese, fa male per la nostra democrazia, invia messaggi terribili a così tante persone qui in patria e in tutto il mondo. Il danno è stato fatto e spero di correre ai ripari. Divisioni vengono sempre più marcate e spero si vada in cerca di una guarigione”.

Clinton non ha eventi pubblici in programma sabato come entrambi i candidati a prepararsi per il dibattito presidenziale finale che si terrà mercoledì a Las Vegas. Trump parlerà a un evento in un Portsmouth, New Hampshire, concessionaria di auto prima di tenere un comizio a Bangor, nel Maine.

(Tradotto dall’articolo Trump trashes the media after more sexual misconduct accusations reported scritto da Ben Jacobs pubblicato su theguardian.com sabato 15 ottobre 2016.)

Data:

15 Ottobre 2016