Traduci

Ucraina, Kiev avanza a Bakhmut. Zelensky: “Ci riprenderemo tutto”

Ci riprenderemo ogni pezzo di territorio che la Russia ha sottratto al nostro Paese. Ad assicurarlo il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky mentre i suoi soldati in prima linea avrebbero guadagnato territorio vicino a Bakhmut.”Non lasceremo un solo pezzo della nostra terra al nemico, la tirannia non regnerà da nessuna parte”, ha detto Zelensky nel suo discorso video notturno. “Dobbiamo riportare la libertà, la sicurezza e l’Europa in tutto il territorio ucraino”, ha detto ancora.

Il suo discorso è arrivato ore dopo che le truppe ucraine, impegnate in pesanti combattimenti per il controllo della regione orientale del Donestk, hanno dichiarato di aver respinto le truppe russe fino a 2 chilometri in alcune località vicino a Bakhmut. “Stiamo conducendo efficaci contrattacchi”, ha dichiarato mercoledì sera su Telegram Oleksandr Syrskyi, comandante delle forze di terra ucraine.

Syrskyi ha affermato che le unità delle truppe mercenarie russe Wagner schierate a Bakhmut sono state sostituite in alcune sezioni da unità dell’esercito russo regolare. Queste unità meno addestrate sono state sconfitte, ha detto il comandante. Ma ha aggiunto: “La battaglia per Bakhmut continua”.

Andriy Biletsky, fondatore del battaglione ucraino Azov, ha dichiarato su Telegram che il territorio è stato completamente liberato dai soldati russi e che almeno due brigate russe sono state sconfitte e sono stati fatti prigionieri.

Con l’avanzare della battaglia, il capo del Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha dichiarato di temere che la sua unità venga circondata nei combattimenti intorno a Bakhmut. “Vista la mancanza di munizioni, il ’tritacarne’ minaccia di girare nella direzione opposta”, ha scritto Prigozhin su Telegram. “C’è ora un serio pericolo di accerchiamento di Wagner”, ha scritto ancora.

Nel frattempo la Russia ha richiamato i suoi riservisti per le esercitazioni annuali, dopo che mercoledì è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale un documento in tal senso firmato dal presidente Vladimir Putin. Con questo decreto, il ministero della Difesa può emanare istruzioni corrispondenti agli uffici dei distretti militari, che poi richiamano i riservisti a loro segnalati per le esercitazioni, ha riferito l’agenzia di stampa statale TASS.

Da settimane ci si aspetta una grande controffensiva da parte dell’esercito ucraino. Tuttavia, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, riprendendo i commenti fatti di recente dal ministro della Difesa del Paese, ha messo in guardia dall’aspettarsi troppo dalla prevista offensiva di primavera dell’esercito ucraino. “Non considerate questa controffensiva come l’ultima, perché non sappiamo cosa ne verrà fuori”, ha dichiarato Kuleba al quotidiano tedesco Bild. Kuleba ha detto che “per vincere la guerra servono armi, armi e ancora armi”.

Oltre a munizioni, carri armati e sistemi di difesa aerea, l’Ucraina ha bisogno soprattutto di aerei da combattimento. Kuleba contava sull’aiuto di Berlino per procurarsi i moderni jet da combattimento F-16. A differenza dei carri armati Leopard, in questo caso la decisione non spetta alla Germania, ma agli Stati Uniti.

Data:

11 Maggio 2023