Traduci

Ucraina, Putin avverte: “Vicini a punto di non ritorno per arroganza Occidente”

(Adnkronos) – “Il mondo è vicino a un punto di non ritorno” per “l’egoismo e l’arroganza degli Stati occidentali che hanno portato allo stato attuale delle cose”. Il presidente russo Vladimir Putin torna a lanciare l’avvertimento incontrando la leadership del ministero degli Esteri russo. “Il mondo sta cambiando rapidamente. Non sarà più lo stesso di prima, né nella politica globale, né nell’economia, né nella competizione tecnologica”, ha detto citato dall’agenzia di stampa Ria Novosti.  “I rapporti tra la Russia e un certo numero di Paesi europei sono peggiorati”, ma secondo il presidente russo sono “insensate” le accuse rivolte a Mosca di voler attaccare l’Europa. Si tratta solo ”speculazioni per giustificare la corsa agli armamenti”, ha aggiunto, sostenendo che “il pericolo per l’Europa viene dagli Stati Uniti” e “l’Europa si potrà salvare solo se avrà buoni rapporti con la Russia”.  Per il leader del Cremlino, “i politici europei hanno più paura di avere cattivi rapporti con Washington piuttosto che scontentare i propri cittadini”. E dopo la decisione di utilizzare gli asset russi congelati in Europa a favore dell’Ucraina, arriva la ‘promessa’: “Il furto dei beni russi in Europa non resterà impunito”.  Il commercio tra Russia e Cina è condotto apertamente e in conformità con le norme dell’Organizzazione mondiale del commercio, poiché Pechino esercita uno stretto controllo sulle esportazioni dei suoi beni. Lo ha detto alla Tass Liu Pengyu, portavoce dell’ambasciata cinese negli Stati Uniti. “La Cina non è artefice di una parte nella crisi ucraina. Siamo impegnati a promuovere colloqui per la pace. La Cina non fornisce armi alle parti in conflitto e controlla rigorosamente l’esportazione dei propri beni, cosa che è ampiamente apprezzata da la comunità internazionale”, ha affermato il diplomatico. “Il nostro normale commercio con la Russia avviene in modo lecito. È coerente con le regole dell’Organizzazione mondiale de commercio e i principi del mercato, e non prende di mira nessuno”, ha aggiunto il diplomatico. Il neocolonialismo si è avvicinato da tempo ai confini della Russia. Lo ha detto Dmitry Medvedev in un’intervista alla Rossiyskaya Gazetta. Secondo il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, l’Ucraina ha infatti perso completamente la sua indipendenza politica e l’operazione speciale aiuterà a liberarla dalle catene neocoloniali dell’Occidente. “A seguito del colpo di stato del febbraio 2014 – afferma – il Paese ha perso completamente la sua soggettività politica e sulla repubblica è stato instaurato un controllo esterno”. Il vice capo del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha osservato che per molti anni è stato generalmente accettato che il neocolonialismo esistesse da qualche parte lontano, ad esempio in Asia, Africa o America Latina. In realtà, ha continuato, le ambizioni non conoscono limiti economici né politici e gli stessi neocolonialisti non vogliono rispettare i confini strategici degli altri Paesi. Nella notte i sistemi di difesa aerea hanno intanto abbattuto 87 droni sulle regioni russe, 70 dei quali sulla regione di Rostov. Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo in un comunicato, spiegando di aver fermato il tentativo di Kiev di attaccare obiettivi sul territorio russo.  La Russia ha perso 524.060 soldati in Ucraina dall’inizio della guerra, il 24 febbraio 2022. Lo ha riferito lo Stato maggiore delle forze armate ucraine. Questo numero include 1.250 vittime subite dalle forze russe nell’ultimo giorno. Secondo il rapporto , la Russia ha perso anche 7.936 carri armati, 15.234 veicoli corazzati da combattimento, 18.854 veicoli e serbatoi di carburante, 13.818 sistemi di artiglieria, 1.101 sistemi di razzi a lancio multiplo, 849 sistemi di difesa aerea, 359 aerei, 326 elicotteri, 11.097 droni, 28 imbarcazioni e un sottomarino.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Autore:

Data:

14 Giugno 2024