Traduci

UCRAINA-RUSSIA,GUERRA DI DRONI – Esplosioni a Kiev, Mosca denuncia attacco

Tra Ucraina e Russia è guerra di droni. Il Paese guidato da Volodymyr Zelensky colpito in modo “massiccio” nella notte – con i detriti che hanno causato almeno una vittima civile a Kiev -, mentre le autorità regionali russe di Krasnodar hanno denunciato un tentativo di attacco da parte di Kiev nei pressi del sito della raffineria di petrolio Ilsky.

Nell’attacco contro l’Ucraina, Mosca avrebbe lanciato almeno 54 droni iraniani ’Shahed’. La difesa aerea, spiega l’Aeronautica, ne avrebbe abbattuti 52. Secondo le autorità regionali russe, i droni ucraini sulla regione di Krasnodar sarebbero invece stati tutti abbattuti.

PIOGGIA DI DRONI SULL’UCRAINA

cms_30676/1.jpg

Pioggia di droni sull’Ucraina nella notte, con un nuovo pesante attacco sul Paese. La Russia ha lanciato 54 droni iraniani ’Shahed-136/131’ dalle regioni di Bryansk e di Krasnodar e le difese aeree dell’Ucraina sono riuscite ad abbatterne 52. “L’attacco notturno è stato diretto dal nemico contro installazioni militari e infrastrutture dello Stato nelle aree centrali del Paese, in particolare nella regione di Kiev. Qui, nell’area di pertinenza del comando aereo” Center, “la maggior parte dei droni d’attacco è stata distrutta”, ha riferito l’Aeronautica Militare Ucraina su Telegram.

Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha informato inoltre della morte di un civile di 41 anni e del ferimento di una donna di 35 anni nel corso degli “attacchi massicci” con i droni russi sulla capitale ucraina.

MOSCA DENUNCIA ATTACCO CON DRONI VICINO RAFFINERIA DI PETROLIO

cms_30676/2_1685341034.jpg

Le autorità regionali russe di Krasnodar hanno quindi denunciato un tentativo di attacco di droni ucraini durante la notte alla raffineria di petrolio di Ilsky. “Diversi veicoli aerei senza equipaggio hanno cercato di avvicinarsi al sito della raffineria di petrolio Ilsky, nel Krasnodar”, ha riferito il servizio di emergenza regionale, affermando che tutti i droni sono stati abbattuti.

Shot, un canale di notizie Telegram affiliato al Cremlino, ha riferito che i detriti hanno danneggiato l’unità di produzione di gasolio “senza provocare incendi”. Non sono state segnalate vittime.

La raffineria di petrolio Ilsky, situata a circa 55 chilometri a nord-est del porto di Novorossiysk sul Mar Nero, ha una capacità di lavorazione di circa 6,6 milioni di tonnellate di greggio all’anno.

DRONI ALLA RUSSIA, ZELENSKY CHIEDE A PARLAMENTO SANZIONI A IRAN PER 50 ANNI

cms_30676/3.jpg

Il presidente Volodymyr Zelensky ha chiesto quindi al Parlamento ucraino di imporre ulteriori sanzioni contro l’Iran per 50 anni. La bozza di risoluzione comprende il divieto totale di commercio con Teheran, di investimenti e trasferimento di tecnologie, oltre lo stop al transito iraniano attraverso il territorio ucraino e il blocco di beni iraniani in Ucraina.

Il Parlamento ucraino, che non ha ancora programmato il voto, deve approvare il disegno di legge affinché diventi legge. L’Iran ha fornito alla Russia materiale militare, compresi i droni Shahed. Sia gli Stati Uniti che la Ue hanno imposto sanzioni all’Iran per aver fornito alla Russia questi droni.

MOSCA: “CON F16 A KIEV ESCALATION INACCETTABILE”

cms_30676/4.jpg

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha intanto definito i piani dei Paesi occidentali di inviare aerei da combattimento F-16 in Ucraina come un’escalation inaccettabile. Lo scrive la Tass.

“Certamente, questa è un’escalation inaccettabile. Spero che ci siano persone ragionevoli in Occidente che lo capiscano”, ha detto Lavrov al programma televisivo “Mosca. Cremlino. Putin”.

Data:

29 Maggio 2023