Traduci

UCRAINA,Xi AL TELEFONO CON ZELENSKY:NESSUNO VINCE UNA GUERRA NUCLEARE

cms_30263/1v.jpg“Nessuno vince una guerra nucleare”. Lo ha detto il leader cinese Xi Jinping al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo quanto riporta l’agenzia Xinhua dopo la telefonata tra i due durante la quale Xi ha insistito su “dialogo” e “negoziati” con la Russia.

La telefonata, ha scritto l’agenzia, è stata l’occasione per i due presidenti per uno scambio di vedute sulle relazioni tra Cina e Ucraina e sulla “crisi ucraina”, un conflitto che va avanti dal 24 febbraio 2022, con Pechino che non ha mai condannato l’invasione russa dell’Ucraina.

Il leader cinese, al terzo mandato, ha ripetuto la posizione del gigante asiatico sul “rispetto reciproco per sovranità e integrità territoriale” come principio alla base dei rapporti bilaterali. Xi, che con il presidente russo Vladimir Putin ha rinsaldato lo scorso anno un’intesa “senza limiti”, ha anche manifestato la volontà di “sviluppare” le relazioni “coerenti e chiare” con Kiev e di “lavorare” con l’Ucraina per una “cooperazione vantaggiosa per entrambi i Paesi” a “prescindere dai cambiamenti della situazione internazionale”.

La Cina è “sempre dalla parte della pace” e la sua posizione è di “promuovere la pace” tramite i colloqui, ha ribadito il leader cinese. Xi Jinping invia il Rappresentante speciale del governo per l’Eurasia in Ucraina e in altri Paesi per comunicazioni approfondite con tutte le parti su una soluzione politica della crisi in Ucraina, ha reso poi noto la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. Xi aveva annunciato l’iniziativa di mediazione di Pechino nel suo colloquio telefonico con Zelensky, ha scritto l’agenzia Xinhua.

Ho avuto un colloquio telefonico lungo e significativo con il presidente cinese Xi Jinping“, ha scritto su Twitter il presidente ucraino. “Credo – ha aggiunto – che questa telefonata, così come la nomina dell’ambasciatore dell’Ucraina in Cina, darà un forte impulso allo sviluppo delle nostre relazioni bilaterali”.

cms_30263/00.jpgCon Xi Jinping “abbiamo parlato un’ora per una pace giusta e duratura in Ucraina”, ha poi detto il presidente ucraino. “Durante la conversazione durata un’ora, abbiamo discusso un’ampio spettro di questioni topiche bilaterali. Particolare attenzione è stata dedicata a potenziali modi di cooperazione per raggiungere una pace giusta e sostenibile per l’Ucraina”, ha detto Zelensky, secondo quanto riferisce il suo ufficio su Telegram. “Nessuno vuole la pace più del popolo ucraino. Siamo sulla nostra terra e combattiamo per il nostro futuro, esercitando il nostro inalienabile diritto all’auto difesa. La pace deve essere giusta e sostenibile, basata sui principi del diritto internazionale e il rispetto della Carta dell’Onu”, ha aggiunto Zelensky.

Prima della guerra, la Cina era il primo partner commerciale dell’Ucraina, ha ricordato Zelensky, aggiungendo che nella telefonata si è parlato di come rafforzare la partnership bilaterale.

PECHINO MANDA INVIATO A KIEV

cms_30263/2v.jpgUn passato a Mosca. E’ quello che spicca nel profilo di Li Hui, che per dieci anni è stato ambasciatore cinese in Russia. La Cina ha annunciato oggi l’invio del rappresentante speciale del governo di Pechino per l’Eurasia in Ucraina e in “altri Paesi” per colloqui con “tutte le parti” per risolvere la “crisi ucraina”, oggetto dell’atteso colloquio telefonico odierno tra il leader cinese e il presidente ucraino . Li è stato ambasciatore in Russia per dieci anni, dal 2009 al 2019, sottolinea subito l’agenzia russa Tass che scrive della “nomina dell’ex ambasciatore cinese in Russia alla guida della delegazione cinese per la soluzione della crisi in Ucraina” secondo le notizie diffuse da Yu Jun, numero due del Dipartimento per l’Eurasia del ministero degli Esteri di Pechino. Nel 2019, evidenzia il Washington Post, ha ricevuto da Putin la “medaglia dell’amicizia”.

Data:

27 Aprile 2023