Traduci

UE, ATLANTIC COUNCIL – “Draghi guidi Consiglio, fra pochi leader pronti a riforme”

“Il rapporto Draghi proporrà interconnessioni tra sistemi produttivi nazionali”

_______________°_______________

“Mario Draghi dovrebbe essere il prossimo presidente del Consiglio europeo”. Non al vertice della Commissione al posto della ‘spitzenkandidatin’ Ursula von der Leyen, come da rumor delle scorse settimane, ma come successore di Charles Michel alla testa dei capi di governo dell’Unione. E’ quanto si legge in un editoriale pubblicato sul sito dell’Atlantic Council, uno dei principali think tank americani, firmato dal nonresident senior fellow Mario De Pizzo.

“L’Unione Europea è a un bivio: deve scegliere se attuare riforme significative o accettare il suo imminente declino. Uno dei pochi leader disposti a fare le riforme necessarie è Mario Draghi, ex presidente della Banca centrale europea ed ex primo ministro italiano”, scrive De Pizzo. Draghi è stato incaricato da von der Leyen di redigere un rapporto sulla competitività dell’Ue, che sarà pubblicato dopo le elezioni europee del 6-9 giugno.

“Secondo una fonte vicina a Draghi, che ha condiviso i primi dettagli a condizione di anonimato, il rapporto includerà probabilmente una valutazione franca delle debolezze dell’Europa, sulle sue limitate capacità creative e produttive. In questo momento all’Europa mancano sia le risorse che la volontà di competere con il resto del mondo, soprattutto se si considera la capacità di Stati Uniti e Cina di stimolare l’economia attraverso la spesa pubblica”, prosegue De Pizzo.

Il rapporto sulla competitività europea che sta preparando Draghi su incarico di von der Leyen e che sarà presentato dopo le elezioni europee “metterà probabilmente in evidenza il fatto che l’Europa ha enormi opportunità di correggere le sue carenze produttive”, si legge ancora.

“Una riforma che il documento promuoverà è la creazione di interconnessioni tra i sistemi produttivi nazionali, con l’obiettivo di creare un unico sistema europeo di catene di approvvigionamento continentali integrate – un obiettivo a dir poco ambizioso. La visione di Draghi potrebbe essere la fonte di ispirazione per un programma di governo dell’Ue per i prossimi cinque anni. E l’Europa ha bisogno del suo impegno per realizzare questi obiettivi”.

Nell’editoriale si sostiene che Draghi dovrebbe guidare il Consiglio europeo, anche se è una carica istituzionale spesso criticata per essere in gran parte simbolica e priva di un gabinetto. “E’ la persona che fa la carica – precisa De Pizzo – Draghi sarebbe in grado di avviare il processo di riforma dei trattati istitutivi dell’Ue proponendo punti nelle discussioni formali e informali, nonché elaborando piani per realizzare le politiche che suggerirà nella sua relazione. Come ha detto il 16 aprile a Bruxelles, in occasione della Conferenza di alto livello sul Pilastro europeo dei diritti sociali, ‘avremo bisogno di un partenariato rinnovato tra gli Stati membri, di una ridefinizione della nostra unione che non sia meno ambiziosa di quella che i padri fondatori fecero settant’anni fa con la creazione della Comunità europea del carbone e dell’acciaio'”.

Data:

2 Maggio 2024
Tagged:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *