Traduci

UN ATTACCO AL GOVERNO RENZI

Ma davvero crediamo che La Corte Costituzionale abbia avuto un raptus di misericordia per favorire i pensionati e sostenerli nella loro povertà proprio in un momento delicato in cui si giocano le partite elettorali in ogni regione italiana ? O non crediamo invece che questa improvvisa decisione sia stato un vero e proprio attacco al buon Renzi per punirlo della troppa indipendenza utilizzata all’interno del PD e metterlo in difficoltà proprio nel momento cruciale in cui l’Italia stava cercando di sollevarsi e superare la crisi? Qualcuno potrebbe affermare che questa tempesta non sia stata scatenata per mettere scompiglio nel buon lavoro fatto?

cms_2232/come-detrarre-i-contributi-volontari.jpg

Se per un attimo , egoismi a parte, cercassimo di ragionare con obiettività su come e quando questo danaro pioverà a ciel sereno nelle tasche dei derubati, allora la musica dei soldini che con la fantasia tintinnano già nelle tasche dei pensionati cambia la sua sonorità. Già, perché bisognerebbe anche spiegare come mai la questione dei vitalizi non è stata mai denunciata alla Corte Costituzionale perché si pronunciasse contro!! Non sarà che con questo atto di clemenza si sia voluto difendere un principio secondo cui non si potrebbe ledere il diritto del cittadino sottraendogli anche solo una parte della pensione a lui spettante allo stesso modo con cui al senatore Tizio o Caio non può essergli sottratto il vitalizio in quanto diritto acquisito? Tutto è possibile al pensiero umano! Ma se vogliamo rimandare la questione, diciamo pure con Manzoni: ‘Ai posteri l’ardua sentenza’!

cms_2232/renzisc.jpg

Certo Matteo Renzi da coretto Boy Scout, pur con l’amaro in bocca e la morte nel cuore, si è presentato agli italiani sostenendo che quanto la Corte ha stabilito deve essere rispettato e che (notizia di questi giorni) verserà entro agosto 2015 , 500 euro a 4 milioni di pensionati. E che altro poteva fare il povero Renzi se non ubbidire visto che dopo tante battaglie per sanare i conti gli era stato appiccicato pure l’attributo di ‘dittatore? Guai se avesse osato proferire parola di condanna contro quei giudici a cui sono state date le ‘Chiavi del Regno ’ per decidere quali e quante tasche dovevano essere riempite ..! Avrebbe fatto la fine di Berlusconi al quale certe sentenze proprio non andavano giù e tutti gli sarebbero saltati addosso….

cms_2232/elsa-fornero-mario-monti.jpg

Che la norma Fornero emessa durante il Governo Monti sia stata una sciagura per molti pensionati è un fatto innegabile ma che oggi, dopo gli sforzi e le battaglie condotte da Renzi per ridurre il debito pubblico si rischi di ripiombare nell’incubo di una ulteriore povertà è un fatto su cui i giudici della Corte Costituzionale avrebbero dovuto meditare rimandando le decisioni prese ad un periodo in cui il superamento della crisi avrebbe portato ossigeno al polmone malato dell’Italia. Tanto più che , per come siamo tutti messi, quella manciata di soldi non cambieranno di una virgola la vita disperata dei pensionati che dopo anni di lavoro stanno peggio degli immigrati, che la pensione, anche più alta di molti nostri connazionali, la percepiscono per aver stabilito la sola residenza presso la casa di un figlio che vive in Italia. In conclusione, questa sentenza della Corte suona più come un “campanello” al Governo Renzi che una improrogabile necessità. Che poi, molti pensionati stiano esultando per quei quattrini che fioccheranno di nuovo nelle loro tasche è cosa anche comprensibile, ma che questo accada, guarda caso, proprio dopo che Renzi aveva superato accuse e critiche feroci da tutte le parti politiche e ancor più dai suoi compagni dissidenti, è stata una vera e propria esecuzione morale, una sconfitta che potrebbe fiaccare la sua incrollabile forza di volontà nel proseguire tra difficoltà sempre più grandi perché i 17 miliardi che l’INPS dovrebbe restituire ai pensionati non potranno che essere sottratti ad altri cittadini italiani i quali, sfiduciati , traditi e rapinati non potranno far altro che rassegnarsi a un destino che altri hanno programmato per loro.

cms_2232/commissioneeuropea.jpg

Ancora più ambigui i commenti della Commissione europea che ritiene doveroso restituire presto le somme sottratte ai pensionati, dimenticando che è stata proprio l’Europa assillante e dispotica a pretendere quella stabilità economica che ha dovuto trasformare il Presidente del Consiglio in un ‘giocatore’ abile ed impassibile nel parare i colpi della sua stessa maggioranza , pur di mantenere gli impegni presi con la “Regina’’. Che i dibattiti, le ironie o le comiche recitate nelle diverse trasmissioni televisive in questi giorni facciano anche sorridere sono solo scene del momento poiché si sa bene che dietro quelle risatine, aperto e profondo rimane il dramma degli italiani . Gli oltranzisti ritornano ad invocare la patrimoniale come rimedio estremo perché anche i ricchi , ammesso che ci siano ancora, possano soffrire tanto quanto i poveri. Ma chi grida: ‘deprediamo i ricchi’ hanno le idee confuse su cosa sia la ricchezza. Nessun mobile o immobile costituisce ricchezza se non produce reddito. Qualche vecchio immobile di campagna, un castello abbandonato in mezzo a ettari di terreno o una villa lussuosa costruita venti o trent’anni prima , non sono mai ricchezza se non producono danaro liquido che è quello a cui lo Stato intende abbeverarsi. Allora si gridi pure alla patrimoniale ma sapendo che non si munge latte quando le vacche sono sterili. Dunque a Renzi e all’Europa l’ultima parola su dove andrà questa Italia che non ha il coraggio di dire Basta.

Data:

20 Maggio 2015