Traduci

UN GRANDE BARI TORNA ALLA VITTORIA E RAGGIUNGE IL 4° POSTO IN CLASSIFICA

Dopo tre pareggi consecutivi, il Bari torna alla vittoria battendo, al “San Nicola” il Brescia per 3-0. Una vittoria importante che permette al Bari di portare a sette la striscia di risultati utili consecutivi (4 vittorie e 3 pareggi) e di tornare al successo, davanti al proprio pubblico, che mancava dalla partita Bari-Frosinone (1-0, del 10 febbraio scorso). Un risultato giusto per quanto visto in campo che rigenera l’ambiente biancorosso preoccupato dell’avanzare in classifica di altre squadre che fino a tre giornate prima erano lontane e sembravano non destare preoccupazione. Le rondinelle, d’altro canto, confermano uno stato di salute non ottimale (un solo punto conquistato nelle ultime quattro giornate), una squadra in evidente difficoltà ad andare in rete, soprattutto in trasferta, con il secondo peggior attacco della serie B (11 reti dietro al Carpi con 7). Una sconfitta che rende più difficile il cammino nella lotta per non retrocedere. Sorride, invece, la classifica del Bari che può affrontare con maggiore serenità le prossime due trasferte (Ascoli e Avellino).

LA PARTITA – L’allenatore del Bari, Fabio Grosso, con il 4-3-3, schiera: Micai, Anderson, Marrone, Empereur, Sabelli; Iocolano, Basha (61’, Petriccione), Henderson (75’, Busellato); Improta, Nené e Cissè (79’, Kozak). Il tecnico del Brescia, Roberto Boscaglia, invece, con il 4-3-1-2, manda in campo: Minelli, Cancellotti, Gastaldello, Somma, Curcio; Bisoli, Viviani (46’, Caracciolo), Martinelli; Embalo (66’, Furlan); Torregrossa e Cortesi (14’, Rivas)..

Parte bene il Bari che dopo pochi minuti passa in vantaggio con Improta (7’) abile a sfruttare una spizzata di Nenè. I biancorossi sono padroni del campo. Giocano in maniera attenta e giudiziosa e non rischiano nulla. Così, un’accelerata improvvisa di Iocolano, mette in azione Nenè che, in area di rigore, serve un assist perfetto per il 2-0 di Cissè (30’). Nella ripresa il copione non cambia e nonostante l’ingresso in campo, nel Brescia, di Caracciolo e Furlan, è il Bari che segna con Nenè (9’), di potenza, il terzo gol al termine di una bella azione in velocità. Il Bari, nonostante il largo vantaggio, continua a giocare sempre con grande sicurezza. Così, Improta (80’) al centro dell’area di rigore (e servito dal solito Nenè) sfiora la quarta rete. Solo nel finale, Micai con un volo, nega il gol a Caracciolo (87’).

ANALISI E COMMENTI –

Questa volta il Bari, al terzo tentativo consecutivo, è riuscito a centrare l’obiettivo della vittoria. Ha giocato un’ottima partita e saputo leggere bene i vari momenti della gara esaltando le qualità del gruppo.

cms_8765/2.jpg

Devo fare i complimenti ai ragazzi – sono state le prime parole del tecnico del Bari, Fabio Grosso – perché hanno giocato da squadra e sono entrati in campo con l’atteggiamento giusto.È stata la vittoria delgruppo e non era facile. Siamo stati bravi a interpretare la gara nel modo giusto e sono contento per la prova di quei giocatori che non sono sempre impiegati, così come sono contento che hanno segnato i nostri tre giocatori offensivi. Oltre alla prova significativa, sono anche tre punti importanti. Ora, dobbiamo dare continuità e una prestazione come questa deve dare coraggio e fiducia soprattutto in attesa di due trasferte difficili”.

In effetti è stato un Bari senza sbavature e con grande possesso palla che ha ulteriormente evidenziato la differenza di qualità tra le due squadre (nonostante le tante assenze nel Bari). In una serata positiva come questa da segnalare l’ottima partita e il ritorno al gol di Improta che non segnava dal 20 ottobre (Bari-Cittadella). Ottima prestazione anche di Iocolano (ritornato in campo dopo diverso tempo) e della inedita coppia Nenè-Cissè. Il primo, oltre al gol, ha servito due assist ed è sempre stato nel vivo della manovra, così come anche Cissè (autore del raddoppio) pronto a dare una mano ai compagni anche in fase di ripiegamento. Ma tutta la squadra ha fatto bene. Sempre corta e pronta a pressare in ogni parte di campo ha impedito agli ospiti di rendersi pericolosi. Detto questo, va considerato il valore non eccelso del Brescia che, non a caso, lotta per non retrocedere. Con questa vittoria, intanto, il Bari (50 p.), in attesa dei risultati delle altre gare e con una partita in meno, si porta al quarto posto a pari punti con il Cittadella.

Autore:

Data:

25 Marzo 2018