Traduci

UN MONDO MIGLIORE, A MISURA DI UOMO

Si tende ad attribuire un’importanza quasi vitale alle notizie scoraggianti e angoscianti. Ci si dimentica che per ogni notizia negativa, ce n’è almeno una positiva. L’informazione si concentra sul peggio. Il bicchiere è sempre mezzo vuoto. Non si riempie nemmeno più. L’abitudine di svuotarlo continuamente, non ci dà tregua. Ma quello su cui bisogna spostare l’attenzione, sono i risultati a cui porta un atteggiamento del genere. Pensare che il mondo sia il nemico, che la vita sia orribile, che il sole sia prerogativa solo di alcuni, non porta a nulla. Anzi, a qualcosa arriva. Allo scoraggiamento e alla demoralizzazione, ad esempio. Due sentimenti che buttano nello sconforto totale.

cms_2127/mondoallarovescia.jpg

A questo punto, la vita diventa davvero un sacrificio. Eppure l’informazione -depurata da ideologie e attinta da più fonti- è fondamentale! Dobbiamo conoscere anche quello che non funziona per poter agire per il cambiamento. Al di là delle negatività che assorbiamo quotidianamente, tutto dipende da quanto sappiamo apprezzare. La vita è un dono grandissimo. Grazie a Lei, possiamo vivere le nostre bellezze quotidiane. Quelle che facciamo per routine ma che se ci mancassero, sarebbe un dramma. Ci sono altri fattori importanti che si sommano all’opportunità di vivere ogni giorno. La salute in primis, il fatto di vivere in un paese in cui la pace è una certezza e l’avere un lavoro di questi tempi. Tutti miracoli che bisogna cogliere ogni giorno perché nulla è scontato. La società non fa altro che creare bisogni allo scopo di soddisfare i suoi desideri consumistici e, fin troppo spesso, la seguiamo a ruota cercando di colmare vuoti interiori. In questo caos, fatto di tutto e di niente, ci dimentichiamo dell’essenziale. Tuttavia, quando accade qualcosa che lascia un’impronta, ci si accorge di quanto sia inutile l’apparenza di fronte all’esistenza intera. Non credete che dentro ad ogni persona, ci sia un pezzo di cielo? Che uno sguardo possa colpire più di una bella macchina? Che i soldi non sono comparabili ad una vita? Questo mondo apparentemente incapace di rialzarsi perchè ad ogni colpo, ne viene assestato un altro ancora più forte. Un mondo che sembra affondare in un mare di brutture.

cms_2127/GEOMANZIA.jpg

Così il barcone diventa al tempo stesso salvezza e perdizione per molti e, più di 700 anime alla ricerca di se stesse, diventano il cimitero del fondale marino. La coscienza non brucia un po’? Forse, alla luce di certe notizie negative e al contempo ineliminabili, il compito dell’informazione diventa una missione. Quella di puntare il dito perché di fronte a questo scempio, non esiste mancanza di colpa. C’è solo un problema, cosa induce allo scoraggiamento il litigio con una collega e, invece, ad ignorare oltre 700 persone che lasciano la terra in questo modo? Urge una notizia positiva. Un movimento collettivo mondiale che consenta di dare una nuova dignità alla vita. Ci vuole una coscienza forte che abbandoni -almeno in parte- gli ideali tipici del capitalismo sfrenato. Le notizie -anche le peggiori- possono comunque incoraggiarci a fare del meglio per noi stessi e per gli altri. Per un mondo migliore, a misura di uomo.

Data:

25 Aprile 2015