Traduci

UNA FERRARI PASSA GUAI

Quel che è accaduto domenica scorsa in Malesia, sta facendo molto riflettere lo staff tecnico della Ferrari circa le cause che hanno provocato la rottura del condotto di alimentazione del compressore della monoposto di Vettel. “Il fatto che abbiamo avuto problemi con i propulsori – ha detto Sergio Marchionne – ha a che fare con due cose: abbiamo una squadra molto giovane e la qualità della componentistica non è al livello necessario per un’auto da gara. Stiamo intervenendo. E se contiamo anche il disastro di Singapore, sembrerebbe che la iella, almeno per i superstiziosi, stia perseguitando la scuderia di Maranello. Sappiamo benissimo, però, che a trovar scuse siam tutti bravi, ancor prima di individuare le vere motivazioni.

cms_7370/Foto_1.jpg

Proprio adesso che entrambe le macchine, sembrano avere un passo in più rispetto alle Mercedes; ma sulla carta, alla fine, contano i punti. E quelli raccolti da Vettel in due gran premi sono solo 12, con un gap da Hamilton di 34 punti. “Parliamo di cose sicure. – ha aggiunto il presidente del Cavallino – Che ieri le due Ferrari potessero battere tutti è un fatto indiscusso, e che potesse accadere anche a Singapore è un fatto indiscusso”.

cms_7370/Foto_2.jpg

Nel frattempo ieri mattina è giunta una notizia positiva dal team Ferrari che con un tweet ha voluto rassicurare i tifosi che il cambio utilizzato da Vettel a Sepang, danneggiato durante lo scontro con Stroll, “è a disposizione per il GP del Giappone”. In questo caso, non sostituendolo, si eviterebbe la penalità di 5 posizioni in griglia di partenza nel GP del Giappone di domenica prossima. Comunque, se nella malaugurata ipotesi si dovesse decidere di cambiare, già da Suzuka, le power unit, subendo le regolari penalità del caso, si avrà il vantaggio di disputare gli ultimi GP con motori nuovi.

(Foto dal sito web della Ferrari: si ringrazia)

Data:

4 Ottobre 2017