Traduci

Unicef, 8,4 milioni di bambini colpiti dalla guerra in Siria

Damasco – Sono circa 8,4 milioni i bambini colpiti dal conflitto scoppiato nel marzo del 2011 in Siria. Lo ha reso noto l’Unicef spiegando che circa uno su tre, ovvero 3,7 milioni di bambini, è nato dopo lo scoppio del conflitto. La loro vita, riporta l’Unicef, negli ultimi cinque anni è stata caratterizzata dalla paura, dalla violenza, dalla fame e dallo sfollamento. Circa 2,4 milioni di bambini sono stati costretti a fuggire in altri Paesi e 306mila bambini sono nati da profughi.

’’Non possiamo ridare loro i preziosi anni dell’infanzia che sono stati tolti da questa guerra brutale, ma possiamo e dobbiamo evitare che il loro futuro venga rubato”, ha detto il direttore esecutivo dell’Unicef Anthony Lake. Secondo l’organizzazione Onu, due milioni di bambini siriani non ha accesso regolare ad aiuti umanitari e oltre 200mila vivono in zone assediate. Sono stati documenti circa 1.500 casi di violazioni gravi nei confronti dei bambini nel 2015, come uccisioni o menomazioni in seguito a esplosioni.

L’Unicef denuncia poi che bambini anche di sette anni vengono usati nel conflitto. ’’Con il conflitto che va avanti, i bambini stanno combattendo una guerra da adulti’’, ha affermato Peter Salama, direttore regionale dell’Unicef per il Medioriente e il Nord Africa. “Restano continuamente fuori da scuola e sono costretti a lavorar, mentre le bambine si sposano presto’’, ha aggiunto.

L’Unicef ha quindi chiesto la fine delle violazioni ai danni dei bambini, la fine dell’assedio e la garanzia che arrivino i 1,6 miliardi di dollari in fondi che l’organizzazione ha chiesto per fornire aiuti e provvedere all’istruzione dei minori in Siria.

Nel rapporto Unicef intitolato ’No Place for Children’ si legge poi che 15mila bambini non accompagnati hanno lasciato la Siria dallo scoppio del conflitto. “In Siria la violenza è ovunque, ha raggiunto case, scuole, ospedali, cliniche, parchi, parco giochi e luoghi di preghiera’’, ha dichiarato Salama, aggiungendo che ’’circa sette milioni di bambini vivono in povertà’’.

’’Dal 2014 tutte le parti coinvolte nel conflitto hanno reclutato bambini anche di sette anni, spesso senza il consenso dei genitori’’, prosegue il rapporto. Più della metà dei bambini arruolati nel 2015 aveva meno di 15 anni, ha spiegato l’Unicef. Sono invece più di 2,1 milioni i bambini che non frequentano la scuola in Siria e 700mila nei Paesi vicini. ’’In risposta l’Unicef e suoi partner ha lanciato la ’No Lost Generation Initiative’ che ha l’obbiettivo di fornire istruzione e dare opportunità ai giovani’’, ha aggiunto.

Autore:

Data:

15 Marzo 2016