Traduci

USA, BIDEN ALLA PROVA DELLE MIDTERM

cms_28189/0.jpgDomani, 8 novembre, ci saranno le Midterm Election statunitensi, consueto banco di prova per il Presidente a stelle e strisce ed il suo governo. I cittadini americani sono chiamati a rinnovare gran parte del Congresso, ed un terzo del Senato, determinando così il destino dell’agenda della Casa Bianca per il biennio successivo. Nello specifico con questa tornata elettorale si vota l’intera Camera dei Rappresentanti (435 deputati) e un terzo del Senato (33 o 34 senatori su 100). Oltre a ciò in differenti Stati Usa si va alle urne anche per: rinnovare le assemblee elettive, eleggere i governatori (in 36 Stati su 50) ed esprimersi su una serie di referendum, come quelli sulle armi semiautomatiche e sull’uso della marijuana in Wisconsin, sui diritti dei lavoratori in Illinois, sul fisco in Georgia. Attualmente entrambi i rami del Congresso sono a maggioranza democratica: 50 a 50 al Senato (ma il voto della vicepresidente Kamala Harris spezza la parità a favore dei dem) e 222 a 212 alla Camera (un seggio è vacante). Negli scorsi giorni è andato in scena il rush finale verso queste elezioni, con i tre big, Biden, Obama e Trump a trainare i propri partiti.

cms_28189/Fot_1.jpg

Il Presidente si è quindi affidato direttamente a Barack Obama per questi giorni e comizi conclusivi. “I diritti fondamentali, la verità ed un’economia giusta sono in ballo. La democrazia stessa è in gioco in queste elezioni“, ha sottolineato l’ex presidente. “Le elezioni di medio termine non sono uno scherzo, la nostra democrazia è un lavoro di squadra, un presidente non può agire da solo. Voi avete un presidente incredibile alla Casa Bianca e può continuare a fare cose grandiose se votate. Può fare anche di più, ma dipende da voi” ha concluso Obama, che ha dimostrato ancora una volta di avere un carisma ineguagliabile. Fa eco alle parole di Barack Obama anche l’attuale Presidente Biden che ha esortato tutti a recarsi alle urne. Il Presidente quasi 80enne ha chiuso quindi un vero e proprio tour de force che lo ha portata da una costa all’altra degli Stati Uniti per cercare di sfatare il tabù che chi arriva alla Casa Bianca, molto probabilmente perderà il Congresso due anni più tardi.

cms_28189/Foto_2.jpg

Queste ultime battute pre-elezioni non hanno portato solo Biden e Obama nel ’Keystone State’, per convincere gli elettori a votare per John Fetterman al Senato, bensì anche il leader repubblicano Donald Trump. A detta di molti, il fatto che Biden ed il tycoon fossero a pochi chilometri di distanza in un momento cruciale è solo un preludio e prova generale per una nuova sfida alle presidenziali del 2024. Trump si trovava anche lui in Pennsylvania a sostegno di Mehmet Oz, il celebre ’dottore televisivo’ reso famoso da Oprah Winfrey.
L’ex presidente americano ha incitato: “Se volete salvare il sogno americano voto repubblicano a queste elezioni“, per poi passare all’attacco come sua abitudine: “Metteremo fine alla carriera di quella pazza di Nancy Pelosi per sempre“. Infine ha ribadito la sua idea che le elezioni del 2020 fossero state truccate e rubate dai Democratici.

cms_28189/3.jpg

La sfida per queste Midterm Election è più infuocata che mai. Dal voto alle urne si capirà molto su che strada intraprenderà l’America per i prossimi due anni, preparando anche la base e sfondo per le presidenziali del 2024. Dal un lato i Democratici e Joe Biden hanno necessità, o quantomeno di ridimensionare, un eventuale vittoria repubblicana per riuscire in primo luogo a portare avanti le politiche costruite in questi due anni e per non perdere consensi e credibilità sia a livello nazionale che internazionale. Dall’altro lato Donald Trump, nonostante la difficile situazione riguardo a Capitol Hill, ha bisogno di una vittoria in queste elezioni per rialzare il suo ruolo e tutto il partito repubblicano, fortemente in affanno.

Data:

6 Novembre 2022