Traduci

Usa, stretta sulla green card

Usa, stretta sulla green card

cms_10335/donald_trump_bandiera_afp.jpg

pubblici come l’assistenza alimentare, medica o l’alloggio potrebbero presto non poter più ottenere la Green card, l’autorizzazione rilasciata dagli Usa che consente a uno straniero di risiedere sul suolo americano per un periodo di tempo illimitato.

Secondo quanto riporta il New York Times, in base alla nuova proposta dell’amministrazione del presidente Donald Trump, essere considerato come beneficiario attuale o precedente di determinati aiuti pubblici sarà considerato un “fattore pesantemente negativo” nel considerare la richiesta di residenza legale.

“Questa norma assicurerà che coloro che cercano di entrare e rimanere negli Stati Uniti, temporaneamente o permanentemente, possano sostentarsi economicamente, senza gravare sui contribuenti americani”, ha dichiarato il segretario alla sicurezza nazionale Kirstjen Nielsen.

Secondo il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, la regola interesserà poco più di 382.200 immigrati che chiedono ogni anno di adeguare il loro status a residenti permanenti legittimi. La norma riguarderebbe principalmente gli immigrati legali o le persone che cercano di entrare legalmente negli Stati Uniti, poiché gli immigranti privi di documenti sono già inammissibili per la maggior parte dei benefici pubblici.

Per il Nyt, “la mossa non colpirà la maggior parte degli immigrati che hanno già ricevuto la green card, ma si teme che coloro che hanno già lo status di residenti legali smetteranno di usare benefici pubblici per proteggere il loro status”.

Msf: “Da Italia pressioni su Panama per fermare Aquarius”

cms_10335/migranti_aquarius_ftg_ipa.jpg

Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere (Msf) si dicono “sconvolte dall’annuncio da parte dell’Autorità marittima di Panama di essere stata costretta a revocare l’iscrizionedell’Aquarius dal proprio registro navale sotto l’evidente pressione economica e politica delle autorità italiane. Questo provvedimento condanna centinaia di uomini, donne e bambini, che sono alla disperata ricerca di sicurezza – denunciano le Ong in un comunicato congiunto – ad annegare in mare e infligge un duro colpo alla missione umanitaria dell’Aquarius, unica nave gestita da una Ong rimasta per la ricerca e il soccorso nel Mediterraneo centrale”.

Entrambe le organizzazioni chiedono dunque “ai governi europei di consentire all’Aquarius di continuare la sua missione, facendo sapere alle autorità panamensi che le minacce del governo italiano sono infondate o garantendo immediatamente una nuova bandiera per poter continuare a navigare”.

“Sabato 22 settembre, il team a bordo di Aquarius – riferiscono Msf e Sos Méditerranée – è rimasto scioccato quando ha saputo che le autorità panamensi avevano informato ufficialmente Jasmund Shipping, il proprietario della nave, della richiesta delle autorità italiane a prendere ’azioni immediate’ contro l’Aquarius. Nel messaggio ricevuto dall’Autorità marittima di Panama si legge che ’sfortunatamente è necessario che [l’Aquarius] sia esclusa dal nostro registro perché la sua permanenza implicherebbe un problema politico per il governo e per la flotta panamense in direzione dei porti europei’. Questo messaggio – spiegano – è arrivato nonostante l’Aquarius abbia completato con successo tutte le procedure di registrazione, essendo conforme agli standard elevati previsti dai regolamenti marittimi di Panama”.

Sos Méditerranée e Msf denunciano “fortemente queste azioni che dimostrano fin dove il governo italiano voglia spingersi, mentre la sola conseguenza è che le persone continueranno a morire in mare e che nessun testimone sarà presente per contare i morti”.

I leader europei sembrano non avere scrupoli nell’attuare tattiche sempre più offensive e crudeli che servono i propri interessi politici a scapito delle vite umane” dichiara Karline Kleijer, responsabile delle emergenze per Msf. “Negli ultimi due anni, i leader europei hanno affermato che le persone non dovrebbero morire in mare, ma allo stesso tempo hanno perseguito politiche pericolose e male informate che hanno portato a nuovi minimi la crisi umanitaria nel Mediterraneo centrale e in Libia. Questa tragedia deve finire, ma ciò può accadere solo se i governi dell’Ue permetteranno all’Aquarius e alle altre navi di ricerca e soccorso di continuare a fornire assistenza salva-vita e a testimoniare dove è così disperatamente necessario”.

“Le notizie dell’Autorità marittima di Panama sono arrivate mentre le équipe a bordo dell’Aquarius erano impegnate in un’operazione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo Centrale. Nelle ultime 72 ore, Aquarius – riconrdano le Ong – ha aiutato due imbarcazioni in difficoltà e ora ha 58 persone a bordo, molte delle quali sono psicologicamente provate e affaticate dalla traversata in mare e dalle esperienze in Libia e per questo hanno bisogno urgentemente di sbarcare in un luogo sicuro come richiede il diritto internazionale marittimo. L’Aquarius ha sempre agito in piena trasparenza operando sotto il coordinamento di tutti i centri marittimi competenti e nel rispetto delle leggi marittime e delle convenzioni internazionali”.

Da qui la richiesta all’Europa di “permettere all’Aquarius di poter continuare ad operare nel Mediterraneo centrale e di far sapere alle autorità panamensi che le minacce del governo italiano sono infondate o di garantire immediatamente una nuova bandiera per poter continuare a navigare”.

Jimmy Bennett: “Asia Argento mi ha violentato”

cms_10335/bennet_jimmy_giletti_fi.jpg

“Asia mi ha violentato, é stato un rapporto completo”. E “c’e’ una perfetta corrispondenza tra lo schema Asia e lo schema Weinstein. Anche Asia ha abusato del suo potere”. Lo ha detto l’attore californiano Jimmy Bennett, ospite di ’Non è L’Arena’ su La7 tornando a rilanciare le sue accuse contro l’attrice Asia Argento, che – a suo dire – l’avrebbe molestato sessualmente quando lui era ancora minorenne.

Autore:

Data:

24 Settembre 2018