Traduci

VACCINO NOVAVAX,EFFICACIA OLTRE 82% A 6 MESI:I DATI

cms_25028/Novavax-Belward-Campus-scaled.jpg

Vaccino Novavax, efficacia oltre 82% a 6 mesi: i dati

cms_25028/VACCINO-NOVAVAX.jpgIl vaccino anti-Covid di Novavax, ha mantenuto “un alto livello di efficacia per un periodo di sorveglianza di 6 mesi” in un’analisi estesa dello studio di fase 3 sul prodotto (NVX-CoV2373 o Nuvaxovid*), condotto nel Regno Unito. Lo comunica l’azienda americana, sottolineando in particolare che dall’analisi è emersa “un’efficacia del vaccino dell’82,5% nella protezione contro tutte le infezioni Covid-19, sia sintomatiche che asintomatiche”. Il profilo di sicurezza si è confermato “rassicurante”.

Le nuove informazioni – spiega Novavax – arrivano dall’esame finale del trial di fase 3 pubblicato sul ’New England Journal of Medicine’ nel giugno scorso, i cui risultati sono stati utilizzati dalla società per le richieste di via libera sottoposte alle autorità regolatorie internazionali. Il dato di efficacia pubblicato sul ’Nejm’ risultava dell’89,7% su un periodo di sorveglianza di 3 mesi. Ora, dall’analisi estesa a 6 mesi (10 novembre 2020-maggio 2021) emerge che “NVX-CoV2373 ha continuato a mostrare un profilo di sicurezza rassicurante, con eventi avversi bilanciati tra i gruppi vaccino e placebo. Lo studio ha mostrato inoltre una protezione continua, con un’efficacia complessiva del vaccino dell’82,7% e del 100% contro la malattia grave, in linea con l’analisi iniziale”.

“Questi dati hanno due implicazioni per NVX-CoV2373”, commenta Gregory M. Glenn, presidente Ricerca & Sviluppo Novavax. Da un lato, rimarca, “è importante evidenziare che il vaccino offre protezione contro l’infezione Covid-19 sintomatica e asintomatica, e può sia interrompere la trasmissione del virus sia prevenire la malattia”. Dall’altro lato, conclude, “siamo incoraggiati nel vedere che il nostro vaccino mantiene un alto livello di efficacia duratura e continua a mostrare un profilo di sicurezza rassicurante in questo arco di tempo esteso”.

cms_25028/4.jpg

cms_25028/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 46.631 contagi e altri 233 morti

Sono 46.631 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano, inoltre, altri 233 morti.

Nelle ultime 24 ore sono stati processati 530.858 tamponi con un tasso positività all’8,8%. Calano i pazienti in terapia intensiva, che sono 708 (-6) e i ricoverati con sintomi, 10.456 (-395).

Dall’inizio dell’emergenza sono state contagiate 12.829.972 persone, mentre le vittime salgono a 155.000. I guariti in totale sono 11.601.742, 73.607 nelle ultime 24 ore. Ad oggi in Italia sono 1.073.230 (-26.704) i positivi al Coronavirus.

cms_25028/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 – 1 Marzo 2022)

CAMPANIA – Sono 4.275 i nuovi contagi da coronavirus oggi, 1 marzo 2022 in Campania, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 19 morti nella Regione, di cui 8 avvenuti nei giorni precedenti. Nelle ultime 24 ore i guariti sono stati 6.687. In Campania sono 45 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 744 quelli nei reparti di degenza. Al momento i positivi nella Regione sono 129.273. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Napoli a 1.873, Caserta a 884, Salerno a 874 e Avellino a 351.

SARDEGNA – Sono 1.480 contagi registrati oggi, 1 marzo 2022, in Sardegna secondo il bollettino con i dati Covid della Regione. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 13.552 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 26 (stesso dato di ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 306 (-31), 29.484 sono i casi di isolamento domiciliare (-1.44 ). La Regione fa sapere che si registrano 10 decessi: 2 uomini di 80 e 82 anni, residenti nella Città Metropolitana di Cagliari; 2 donne di 72 e 84 anni, residenti nella provincia di Nuoro; 2 donne di 89 e 96 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna; 3 donne di 56, 79 e 92 anni, residenti nella provincia di Sassari; 1 uomo di 76 anni, residente nella provincia di Oristano.

LAZIO – Sono 4.543 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 1 marzo 2022 nel Lazio, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 12 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 9.556 tamponi molecolari e 44.835 antigenici con un tasso di positività all’8,3%. I ricoverati sono 1.344, 68 in meno da ieri, 116 le terapie intensive occupate, 6 in meno da ieri. Nelle ultime 24 ore sono stati 12.242 i guariti. I casi a Roma città sono a quota 2.004.

Nel dettaglio, la Asl Roma 1 registra 514 nuovi casi e 2 decessi nelle ultime 24 ore; nella Asl Roma 2 sono 917 i nuovi casi; nella Asl Roma 3 sono 573 i nuovi casi e 1 decesso; nella Asl Roma 4 sono 133 i nuovi casi; nella Asl Roma 5 sono 440 i nuovi casi e 2 i decessi; nella Asl Roma 6 sono 559 i nuovi casi e 2 i decessi.

Nelle province si registrano 1.407 nuovi casi. Nella Asl di Frosinone sono 237 i nuovi casi e 1 decesso nelle ultime 24 re; nella Asl di Latina sono 727 i nuovi casi e 2 i decessi; nella Asl di Rieti sono 161 i nuovi casi e 1 decesso e nella Asl di Viterbo sono 282 i nuovi casi e 1 decesso.

PUGLIA – Sono 4.316 i nuovi contagi da Coronavirus oggi 1 marzo 2022 in Puglia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 14 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 31.526 tamponi, tra molecolari e antigenici. Sono 593 i ricoverati nei reparti Covid, mentre le terapie intensive occupate sono 36. Al momento nella Regione ci sono 77.380 positivi. Da inizio pandemia ci sono state 7.677 vittime in Puglia.

Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Lecce a 1.272, Bari a 1.083, Foggia a 641 e Taranto a 623.

CALABRIA – Sono 2.292 i nuovi contagi registrati oggi, 1 marzo, in Calabria secondo il bollettino sull’emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione, I tamponi effettuati sono 13.072. Registrati 1.484 guariti e 9 morti (per un totale di 2.100 decessi). Il bollettino, inoltre, segnala +799 attualmente positivi, -10 ricoveri (per un totale di 284) e, infine, -1 terapie intensive (per un totale di 17).

FRIULI VENEZIA GIULIA – Sono 709 i contagi rilevati oggi, 1 marzo, in Friuli Venezia Giulia, su 4.826 tamponi molecolari e 9.036 test rapidi antigenici. Lo riferisce il bollettino con i dati Covid della Regione che segnala anche 6 decessi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 15, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti scendono a 198. Per quanto riguarda l’andamento della diffusione del virus tra la popolazione, la fascia più colpita è quella 40-49 (18,62%), seguita da quella 50-59 (17,35%) e da quella 30-39 anni (13,68%).

VENETO – Sono 4.447 i nuovi contagi da coronavirus oggi 1 marzo in Veneto, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registrano altri 19 morti, considerando la differenza tra il totale indicato ieri dal ministero della Salute e quello presente nel bollettino diffuso oggi dalla regione. Il numero totale dei positivi dall’inizio dell’epidemia sale a 1.334.054, quello delle vittime a 13.839. Scende il numero delle persone attualmente positive, 52.380 (-3.974). Quanto alla situazione dei ricoveri, calano quelli dei malati in area medica, 1.026 (-22), mentre aumentano quelli in terapia intensiva, 99 (+6).

BASILICATA – Sono 696 i contagi da coronavirus in Basilicata oggi, 1 marzo 2022, secondo numeri e dati covid del bollettino della regione. Non si registrano morti. I nuovi casi sono stati individuati su un totale di 3.995 tamponi (molecolari e antigenici). Sono i dati del bollettino regionale della task force coronavirus riferito alle ultime 24 ore. Sono state registrate 716 guarigioni. I ricoverati per Covid-19 sono 96 di cui 3 (+2) in terapia intensiva: 58 (di cui 2 in TI) nell’ospedale di Potenza; 38 (di cui 1 in TI) in quello di Matera. Nel complesso gli attuali positivi residenti in Basilicata sono circa 19.500.

TOSCANA – Sono 2.918 i nuovi contagi da coronavirus oggi 1 marzo in Toscana, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19 anticipato via social dal presidente della Regione Eugenio Giani. “I nuovi casi registrati in Toscana sono 2.918 su 33.647 test di cui 8.041 tamponi molecolari e 25.606 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 8,67% (48,2% sulle prime diagnosi)”, si legge nel post.

EMILIA ROMAGNA – Sono 1.495 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 1 marzo 2022 in Emilia Romagna, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 14 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 23.194 tamponi, di cui 12.754 antigenici rapidi con un tasso di positività del 6,4%. Da ieri sono guarite 3.094 persone.

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 65, 11 in meno rispetto a ieri. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid sono 1.352, 70 in meno rispetto a ieri. La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 431 nuovi casi, seguita da Modena a 238; poi Rimini a 148, Ravenna a 118 e Parma a 104. In isolamento a casa 30.984 persone.

VALLE D’AOSTA – Sono 52 i nuovi contagi da Covid in Valle d’Aosta secondo il bollettino di oggi, 1 marzo. Si registra inoltre un altro morto. Il totale delle persone contagiate da virus da inizio emergenza a oggi è di 31.462. I positivi attuali sono 1.320 di cui 1.297 in isolamento domiciliare, 20 ricoverati in ospedale, tre in terapia intensiva. I guariti sono saliti a 29.622, in aumento di 88 unità rispetto alla rilevazione di ieri. I casi fino ad oggi testati sono 128.351 mentre i tamponi effettuati sono 468.423. Con il decesso segnalato oggi salgono a 520 le persone decedute in Val d’Aosta risultate positive al Covid da inizio epidemia.

PIEMONTE – Sono 2.100 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 1 marzo 2022 in Piemonte, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 17 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 35.078 tamponi eseguiti, di cui 29.068 antigenici, con un tasso di positività al 6%. Da ieri ci sono stati 3.233 guariti.

I ricoverati in terapia intensiva sono 40, invariati rispetto a ieri. I ricoverati non in terapia intensiva sono 919, 30 in meno rispetto a ieri. In isolamento a casa 43.416 persone.

ABRUZZO – Sono 1.414 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 1 marzo 2022 in Abruzzo, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono morte 5 persone che porta il totale delle vittime da inizio pandemia a 2.963. Da ieri i guariti sono stati 617. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 62.728. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 3.825 tamponi molecolari e 12.515 test antigenici con un tasso di positività all’8,65%.

I ricoverati in ospedale nei reparti Covid sono 364, 22 in meno da ieri, 16 le terapie intensive occupate, 2 in più rispetto a ieri. In isolamento a casa 62.348 persone. Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Chieti a 411, Teramo a 344, L’Aquila a 327 e Pescara a 295.

SICILIA -Sono 4.762 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, 1 marzo 2022 in Sicilia, secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri sono stati registrati 33 morti, ma solo 6 sono quelli di ieri, mentre gli altri si riferiscono ai giorni precedenti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 34.268 tamponi. L’Isola è al secondo posto in Italia per incremento giornaliero dei casi. Gli attuali positivi sono 229.679. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 1.039, mentre si trovano in terapia intensiva 72 pazienti.

Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 1.232 a Palermo, 849 a Catania, 613 a Messina, 460 a Ragusa, 331 a Trapani, 686 a Siracusa, 247 a Caltanissetta, 683 ad Agrigento e 172 a Enna.

cms_25028/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

Novavax in Italia, come funziona e chi potrà farlo

cms_25028/2_Min_Sanita.jpgEntro la fine di questa settimana è atteso in Italia l’arrivo di Nuvaxovid*, il vaccino di Novavax, il primo prodotto scudo anti-Covid a base di proteine autorizzato in Ue.

Come si userà?

Le indicazioni le dà una circolare del ministero della Salute, firmata dal direttore generale della Prevenzione sanitaria, Giovanni Rezza: sarà un vaccino somministrato a over 18 e viene incluso nel programma di vaccinazione “attualmente solo per il ciclo primario”, precisa il documento.

cms_25028/AIFA-LOGO-1280x720.jpgL’indicazione di utilizzo di questo vaccino era stata approvata il 22 dicembre 2021 dalla Commissione Tecnico Scientifica (Cts) dell’agenzia italiana del farmaco Aifa, che aveva accolto il parere dell’agenzia europea dei medicinali Ema. Per Nuvaxovid è previsto un ciclo di 2 dosi (da 0,5 ml l’una, contenenti 5 microgrammi della proteina Spike di Sars-CoV-2 con adiuvante Matrix-M), “da somministrare per via intramuscolare (preferibilmente in regione deltoidea del braccio)” a distanza di 3 settimane (21 giorni) l’una dall’altra.

La circolare riporta anche la scheda tecnica del farmaco e la nota informativa predisposta da Aifa. Nei documenti che illustrano le caratteristiche del prodotto si specifica che “i dati relativi all’uso di Nuvaxovid in donne in gravidanza sono limitati” e che “gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti su gravidanza, sviluppo embrio-fetale, parto o sviluppo postnatale”. La somministrazione del vaccino in gravidanza deve essere dunque “considerata solo quando i potenziali benefici superano i potenziali rischi per la madre e per il feto”. Per quanto riguarda l’allattamento “non è noto se Nuvaxovid sia escreto nel latte materno umano”. Ma “non si ritiene che possa causare effetti su neonati/lattanti, dal momento che l’esposizione sistemica” al prodotto scudo “di donne che allattano è trascurabile”. Nel capitolo dedicato alla fertilità si spiega che “gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti di tossicità riproduttiva”.

Ogni flaconcino multidose di Nuvaxovid contiene “10 dosi, non richiede diluizione e pertanto è già pronto all’uso – si spiega nella circolare del ministero – Il flaconcino chiuso, conservato in frigorifero a una temperatura compresa tra 2 e 8° C, ha una validità di 9 mesi. A temperatura ambiente fino a 25° C, è utilizzabile entro 12 ore. Dopo la prima perforazione, il flaconcino può essere conservato ad una temperatura tra 2 e 25° C ed è utilizzabile entro 6 ore”.

Nelle caratteristiche del prodotto si precisa anche che al momento “non ci sono dati disponibili sull’intercambiabilità” del vaccino Novavax con altri vaccini anti-Covid per il completamento del ciclo di vaccinazione primario. Chi ha ricevuto una prima dose di Nuvaxovid deve ricevere la seconda dose dello stesso per completare il ciclo di vaccinazione. Viene poi ricordato che al momento la “durata della protezione offerta dal vaccino non è nota, in quanto ancora in via di determinazione nelle sperimentazioni cliniche in corso”. E che “la protezione potrebbe non essere completa fino a 7 giorni dopo la somministrazione della seconda dose”.

Un passaggio viene riservato alla co-somministrazione di Nuvaxovid con vaccini antinfluenzali inattivati, che “è stata valutata in un numero limitato di partecipanti”. Dalle informazioni disponibili, “la risposta anticorpale a Sars-CoV-2 è stata inferiore quando Nuvaxovid è stato somministrato in concomitanza con un vaccino antinfluenzale inattivato”. Ma “la rilevanza clinica di questo dato non è nota”.

Data:

2 Marzo 2022