Headlines

Traduci

VALENTINO ROSSI: L’UOMO DELLA PIOGGIA

Mai pima d’ora è capitato di sentire un atleta pregare “Giove Pluvio” per far venire giù l’acqua sul campo da gioco. Certo dipende sempre dal tipo di sport, poiché sovente in quelli disputati all’aperto, la pioggia copiosa è sinonimo di gara annullata. Al contrario, nel Motociclismo e nell’Automobilismo difficilmente accade di vedere rinviata una gara; infatti, anche sotto l’alluvione, le corse si disputano ugualmente, per la gioia di quei piloti che traggono notevole vantaggio da una pista bagnata. E sicuramente questo è il caso del “quasi” più forte corridore di sempre, Valentino Rossi (NDR Giacomo Agostini ha ancora dei record imbattuti, per numero di gare vinte in tutte le cilindrate).

cms_2844/Sport_2.jpg

Dopo Silverstone e Misano Adriatico, anche la corsa sotto la pioggia del circuito di Motegi ha portato un grosso risultato al centauro di Urbino. Alla fine il Gran Premio del Giappone è stato vinto da Pedrosa, ma il secondo posto rimediato da Rossi, dopo una corsa davvero rocambolesca, ha dato un po’ di ossigeno alla classifica generale portandolo a più diciotto punti dal compagno di squadra, Jorge Lorenzo. Adesso, a tre gare dal termine, Il Moto GP 2016 ha messo in chiaro un aspetto importante: Valentino Rossi, oltre ad andare veloce sull’asciutto, riesce a esprimere un indistinguibile valore anche sulle piste bagnate. E dal punto di vista tecnico, una pista non asciutta causa l’aumento sia dei tempi di frenata sia sul giro, mettendo in risalto le doti strategiche e soprattutto le qualità psico-fisiche di ogni corridore, che, oltretutto, deve guidare evitando di scivolare. A questo punto della stagione, quasi al termine, l’adrenalina scorre a fiumi in casa Yamaha. La corsa giapponese ha “scoperto” i nervi tesi dei piloti di alta classifica, soprattutto quelli di Rossi e Lorenzo: “E’ irrispettoso verso di me se Jorge dice, di essere stato sfortunato”, così Valentino Rossi in conferenza stampa nel dopo Motegi.

cms_2844/SPORT_3.jpg

Domenica si corre in Australia sul circuito di “Pramac”, e mancano pochi giri di pista per capire se il prossimo circuito, è quello decisivo per la vittoria finale. La cosa importante è mantenere la lucidità sin dalle prove libere e cercare di conquistare la pole necessaria ad allungare sul secondo in classifica generale. E a proposito del GP di Australia Valentino Rossi Dichiara: “Lottiamo punto su punto da inizio anno, ma è difficile mantenere la concentrazione e dare sempre il massimo. Diciotto punti possono essere un vantaggio, ma possono essere anche pochi. Questa pista mi ha dato sempre ottimi risultati, ma come al solito tutti gli avversari saranno molto forti, soprattutto Jorge”. E ben chiaro che la pressione sarà tutta su Lorenzo che, per mantenere viva la speranza di superare in classifica il proprio compagno di squadra, non può sbagliare e deve cercare di andare più forte sin dal primo giro. Appuntamento con l’emozione a domani. Tutti i deboli di cuore sono avvisati: tenete a portata di mano il defibrillatore perché “The Doctor”, sulle chicane, è pronto a darvi delle forti scosse.

Data:

17 Ottobre 2015