Traduci

VARIANTE OMICRON, ONDATA RECORD DI CONTAGI NEL MONDO

cms_24288/VARIANTE_OMICRON_MONDO_.jpg

Variante Omicron, ondata record di contagi nel mondo

Record di contagi covid nel mondo, complice la variante Omicron. Dagli Usa alla Gran Bretagna fino all’Italia, è boom di nuovi casi di coronavirus in questa nuova ondata che si sta abbattendo sulla popolazione durante le festività di Natale 2021 e Capodanno.

ITALIA – Numeri altissimi anche per i tamponi, dove in 24 ore ne sono stati processati 1.034.677, tra molecolari e antigenici, con un tasso di positività pari al 7,5%, secondo i dati del ministero della Salute. I nuovi contagi sono stati 78.313 nel nostro Paese e si sono registrati altri 202 morti, i dati più alti della quarta ondata. Sotto i riflettori l’ipotesi di riduzione della quarantena per i vaccinati con terza dose entrati a contatto con positivi. Per affrontare la tematica è stato convocato per oggi alle 11 il Cts mentre il presidente Massimiliano Fedriga ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in seduta straordinaria per le 9.30. All’ordine del giorno della Conferenza delle Regioni la proposta per la ridefinizione di isolamento e quarantena e per la rimodulazione del contact tracing nei contesti ad elevata incidenza.

USA – Gli Stati Uniti hanno registrato il più alto numero di nuovi casi di contagio quotidiani da coronavirus da inizio pandemia, 512.533. Il numero totale di persone infettate dal virus è salito a 52.794.834, secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University e il bilancio delle vittime totali di Covid è salito a 818.371.

Secondo quanto riportano i dati del Centers for Disease Control and Prevention, la variante Omicron rappresenta il 58,6% di tutti i casi di Covid negli Stati Uniti.

FRANCIA – Sono 179.807 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Francia in 24 ore. Il picco precedente era di 104.611 contagi sabato. La media di infezioni registrata quotidianamente negli ultimi sette giorni è di 87.214 casi. La pressione sugli ospedali del Paese continua ad aumentare. Ieri i nuovi ricoveri sono stati 2.110 (contro i 1.634 del giorno prima). Il totale dei malati di Covid ricoverati è di 17.405.

Sono stati 417 i pazienti ricoverati ieri nei servizi di terapia intensiva in Francia, contro i 328 di lunedì, per un totale di 3.416 persone assistite nei reparti specializzati nella cura dei casi più gravi. A renderlo noto sono state le autorità sanitarie francesi, aggiornando il numero dei casi e dei ricoveri per Covid-19. Per quanto riguarda i vaccini, un totale di 51.676.653 persone hanno completato le vaccinazioni previste, pari al 76,6% della popolazione. I non vaccinati, dai 12 anni in su, sono 5,3 milioni. La campagna di richiami procede rapidamente: le terze dosi inoculate sono state 23.059.934.

REGNO UNITO – La variante Omicron dilaga nel Regno Unito che segna un record di contagi Covid, con 129.471 nuovi casi segnalati in Inghilterra e Galles. Il numero totale di contagi in Inghilterra e Galles è superiore al precedente record per l’intero Regno Unito. In Scozia sono state registrate 9.360 nuove infezioni, stando ai dati divulgati dalle autorità locali.

La maggior parte delle nuove infezioni sarebbe relativa a test effettuati prima della pausa natalizia: attualmente in Scozia i tempi di attesa per i risultati di un Pcr sono infatti anche di quattro giorni, questo significa che – sottolineano le stesse autorità scozzesi – il numero effettivo dei casi in circolazione potrebbe essere ben più alto di quanto accertato. La first minister scozzese, Nicola Sturgeon, ha detto di attendersi un ulteriore aumento dei casi nei prossimi giorni ed ha esortato i concittadini a “non sottovalutare l’impatto di Omicron”. “So che è difficile – ha aggiunto – ma è estremamente importante che la gente si attenga a quanto prescritto dalle restrizioni durante il periodo di Capodanno”.

La Health Security Agency del Regno Unito ha registrato 17.269 nuovi casi di contagio da variante Omicron in 24 ore. Un dato inferiore a quello effettivo, ha sottolineato, perché il sequenziamento non viene effettuato per tutti i test e la Scozia non distingue i casi in base alla variante. Il numero dei decessi attribuiti a Omicron è salito a 49, i ricoveri di pazienti infettati con la nuova variante sono 668. Dei contagi attribuiti a Omicron 16.133 sono emersi in Inghilterra, 1.136 in Irlanda del nord.

SPAGNA – Sono 99.671 i nuovi positivi, mentre i morti registrati nelle ultime 24 ore sono 114. L’incidenza calcolata nelle ultime 2 settimane sale fino a 1360,62 casi per 100mila abitanti. I pazienti covid in ospedale sono 9.852, le terapie intensive sono occupate al 18,71%.

DANIMARCA – La Danimarca è diventata il Paese con il più alto tasso di infezione da Covid al mondo. Il Paese ha registrato lunedì un nuovo record per le infezioni quotidiane e ora ha la più alta incidenza al mondo. I nuovi contagi giornalieri hanno superato per la prima volta i 15.000 casi, con le autorità sanitarie che hanno registrato 16.164 casi di Covid-19 in 24 ore. I 16.164 risultati positivi provenivano da 130.686 test Pcr, con un tasso di positività notevolmente alto del 12,4%.

PORTOGALLO – Anche il Portogallo ha registrato il nuovo massimo giornaliero di positivi al Sars-CoV-2, con 17.172 contagi e altri 19 morti, secondo l’ultimo rapporto della Direzione generale per la salute. In totale, dall’inizio della pandemia, il Paese, che conta circa 10,3 milioni di abitanti, ha registrato oltre 1,3 milioni di contagi, con 18.909 morti. Il precedente massimo giornaliero risale al 28 gennaio 2021, quando vennero registrati 16.432 positivi.

PAESI BASSI – La variante Omicron del coronavirus è dominante nei Paesi Bassi, ha annunciato l’Istituto nazionale di salute pubblica e ambiente (Rivm), secondo cui la rapida diffusione di questo ceppo del virus “porterà ulteriori infezioni che faranno salire anche il numero di ricoveri ospedalieri”.

GERMANIA – Sono 21.080 i nuovi contagi di coronavirus confermati in 24 ore in Germania, dove si sono registrati altri 372 morti. E’ quanto emerge dai dati riportati dall’Istituto Robert Koch. Una settimana fa erano stati comunicati 23.428 e 462 decessi. L’incidenza settimanale continua a scendere: il dato delle nuove infezioni per 100.000 abitanti è a 215,6, mentre lunedì era a 222,7, una settimana fa a 306,4 e un mese fa a 452,2. Dall’inizio della pandemia la Germania ha segnalato 7.026.369 casi confermati di Covid-19 con 110.805 decessi. Sono invece circa 6.217.800 le persone guarite dopo aver contratto l’infezione.

ISRAELE – Israele segnala quasi 3.000 nuovi casi di coronavirus confermati nell’arco di 24 ore. E’ la prima volta da quasi tre mesi, sottolinea Ynet. Il bollettino del ministero della Salute riporta 2.952 contagi accertati lunedì su oltre 126.000 test effettuati.

Il sito sottolinea come non si registri un aumento dei ricoveri: sono 137 i pazienti Covid in ospedale, 85 dei quali con sintomi gravi. E, precisa Ynet, secondo il ministero quasi l’86% dei pazienti con sintomi gravi non si è sottoposto alla vaccinazione contro il Covid-19. Dall’inizio della pandemia in Israele si sono registrati 8.242 decessi.

cms_24288/4.jpg

cms_24288/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 78.313 contagi e altri 202 morti

Sono 78.313 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 202 morti. Si tratta dei dati più alti della quarta ondata. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 1.034.677 tamponi con un tasso di positività al 7,5%.

Sono 1.145 le terapie intensive occupate con 119 ingressi da ieri. Sono 366 in più i ricoverati con sintomi per un totale di 10.089 persone.

Dall’inizio dell’emergenza il Covid ha contagiato 5.756.412 persone, mentre le vittime salgono a 136.955. I guariti sono 5.020.601, 16.746 nelle ultime 24 ore. Ad oggi in Italia ci sono 598.856 positivi.

cms_24288/italia.jpg

I dati delle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 – 28 Dicembre 2021)

LOMBARDIA – Sono 28.795 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre 2021 in Lombardia, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 28 morti. In Lombardia sono 34.980 le vittime dall’inizio della pandemia. I tamponi effettuati sono 224.557, mentre il rapporto test-positivi si attesta al 12,8%. Crescono i ricoveri in terapia intensiva, che sono 193 (+6), così come il numero di pazienti ricoverati non in terapia intensiva: 1.698 (+159).

Sono 12.235 i positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Milano, di cui 4.671 a Milano città, stando a quanto emerge dai dati diffusi da Regione Lombardia. Quanto alle altre province lombarde, a Bergamo si registrano 2.024 casi, a Brescia 2.238, a Como 1.452, a Cremona 771, a Lecco 746, a Lodi 811, a Mantova 693, a Monza 3.084, a Pavia 1.645, a Sondrio 159 e a Varese 2.062.

CAMPANIA – Sono 7.181 i nuovi contagi da coronavirus in Campania secondo il bollettino di oggi, 28 dicembre. Si registrano inoltre altri 18 morti: 14 i decessi avvenuti nelle ultime 48 ore e 4 avvenuti in precedenza, ma registrati soltanto ieri. Nella giornata di ieri effettuati 104.533 test. La percentuale di test positivi sul totale dei test eseguiti è pari al 6,86%. In Campania sono 35 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva (uno in meno rispetto a ieri), 534 i pazienti Covid ricoverati nei reparti di degenza (+18 rispetto al dato diffuso ieri).

SICILIA – Sono 2.819 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre 2021 in Sicilia, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 28 morti. Sono invece 512 i pazienti dimessi o guariti. Nell’isola in totale ci sono 32.143 positivi – 2.279 in più rispetto a ieri – e di questi 685 sono ricoverati in regime ordinario, 88 in terapia intensiva con nove nuovi ingressi e 31.370 sono in isolamento domiciliare. La provincia più colpita è Catania, con 659 casi, seguita da Messina (469) e Palermo (445).

EMILIA ROMAGNA -Sono 3.427 i nuovi contagi da Coronavirus registrati in Emilia-Romagna oggi, 28 dicembre, su un totale di 50.745 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il bollettino con i dati Covid della Regione. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti nelle ultime 24 ore è del 6,7% (ieri era stato del 14,9%, a fronte di 23.243 tamponi). Si registrano 16 decessi. Cresce leggermente il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (112, +5); 1.286 quelli negli altri reparti Covid (+50).

SARDEGNA – Sono 455 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre 2021 in Sardegna, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 2 decessi. I 455 casi confermati di positività al Covid sono stati rilevati sulla base di 3856 persone testate. Lo comunica la Regione Sardegna. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 16376 tamponi. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 12 (1 in più di ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 136 (come ieri). 5748 sono i casi di isolamento domiciliare (278 in più di ieri). Si registrano 2 decessi: un uomo di 77 anni, residente nella provincia del Sud Sardegna, e una donna di 88 anni, residente nella provincia di Sassari.

CALABRIA – Sono 1.091 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre 2021 in Calabria, secondo dati e numeri dell’ultimo bollettino Covid-19 della Regione. Si registrano altri 4 decessi. I 1.091 nuovi contagi sono stati rilevati su 11.469 tamponi effettuati. Sono +179 i guariti in Calabria, in totale 1.595 decessi da inizio emergenza. Il bollettino, inoltre, registra +908 attualmente positivi, +2 ricoverati (per un totale di 295) e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 24).

ALTO ADIGE – Sono 502 i nuovi contagi da coronavirus rilevati oggi, 28 dicembre, in Alto Adige. Due i decessi. Lo riferisce il bollettino con i dati Covid della Regione. I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.627 tamponi Pcr e registrato 95 nuovi casi positivi, e 407 test antigenici positivi. I pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 87, quelli nelle strutture private convenzionate sono 49. Sono 18 le persone ricoverate nelle terapie intensive. I guariti totali sono 95.049 (+253).

ABRUZZO – Sono 696 (di età compresa tra 1 e 94 anni) i nuovi contagi da coronavirus registrati oggi, 28 dicembre, in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 97712. Lo riferisce il bollettino con i dati Covid della Regione. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso (si tratta di una 91enne della provincia di Chieti) e sale a 2631.Sono 160 i pazienti (+6 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 24 (+3 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 9709 (+470 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

TOSCANA – Record di nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre in Toscana, sono 4.453 secondo i dati dell’ultimo bollettino. Si registrano altri 6 morti. Dei nuovi casi, che sono l’1,3% in più rispetto al totale del giorno precedente, 4.299 sono stati confermati con tampone molecolare e 154 da test rapido antigenico. Il totale dei contagi da inizio pandemia nella regione sale a 341.579. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 297.913 (87,2% dei casi totali).

Oggi sono stati eseguiti 17.058 tamponi molecolari e 40.400 tamponi antigenici rapidi, di questi il 7,8% è risultato positivo. Sono invece 9.993 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 44,6% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 36.135, +12% rispetto a ieri. I ricoverati sono 600 (31 in più rispetto a ieri), di cui 80 in terapia intensiva (4 in più). Dei 6 nuovi decessi, 3 sono uomini e 3 donne con un’età media di 82,8 anni.

VENETO – Sono 7.403 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre in Veneto, secondo i dati dell’ultimo bollettino Covid-19. Si registrano altri 29 morti. Calano i ricoveri: 1.050 in area non critica (-54) e 165 in terapia intensiva (-8).

PUGLIA – Sono 1.957 i nuovi contagi da coronavirus oggi 28 dicembre in Puglia, secondo i dati dell’ultimo bollettino Covid-19. Non si registrano morti. I nuovi casi, individuati attraverso 50.072 tamponi, sono così suddivisi per provincia: Bari: 546; Bat: 191; Brindisi: 191; Foggia: 224; Lecce: 507; Taranto: 206; Residenti fuori regione: 86; Provincia in definizione: 6. Sono 13.880 le persone attualmente positive, 199 quelle ricoverate in area non critica e 22 in terapia intensiva. Dati complessivi: 296.265 casi totali; 5.491.910 tamponi eseguiti; 275.430 persone guarite e 6.955 le persone decedute.

FRIULI VENEZIA GIULIA – Sono 737 i contagi da coronavirus in Friuli Venezia Giulia oggi, 28 dicembre 2021, secondo numeri e dati Covid del bollettino della regione. Registrati altri 4 morti. Nel dettaglio, su 6.619 tamponi molecolari sono stati rilevati 448 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 6,77%. Sono inoltre 14.934 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 289 casi (1,93%). La prima fascia d’età per quel che riguarda il contagio è la 40-49 anni (19,67%), seguita dalla 30-39 (16,42), dalla 20-29 (15,60), dalla 0-19 (14,93%) e infine dalla 50-59 (14,79%). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 26 e i pazienti ospedalizzati in altri reparti calano a 283, comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

LIGURIA – Sono 1.146 i nuovi contagi da Coronavirus oggi, martedì 28 dicembre 2021, in Liguria secondo i dati Covid-19 dell’ultimo bollettino della Regione. Da ieri ci sono stati 12 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 6.807 tamponi molecolari e 17.910 antigenici rapidi. I ricoverati sono 549, 4 in più da ieri, e 41 le terapie intensive occupate, una in più da ieri. Al momento nella Regione ci sono 14. 184 positivi.

Tra le province con il maggior numero di nuovi casi Genova a 648, Imperia a 174, La Spezia a 186 e Savona a 118.

cms_24288/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_24288/terapie_intensive.jpgCovid Italia,l’allarme: “Ancora 3 settimane, poi terapie intensive piene”

Nell’Italia alle prese con una nuova ondata di contagi da covid e variante Omicron, “abbiamo ancora 3-4 settimane prima che le terapie intensive arrivino a riempirsi. E’ il tempo che passa tra un contagio, la progressione della malattia severa, il ricovero e poi la terapia intensiva. A metà gennaio potremmo avere i posti letto di rianimazione Covid totalmente occupati. Tutto questo potrebbe essere ancor più diluito nel tempo se le ultime strette sulle misure prese dal Governo avranno degli effetti. Ma attenzione, ci sono poi alcune Regioni che hanno dati peggiori e già oggi sono in sofferenza”.

cms_24288/Alessandro-Vergallo.jpgLo sottolinea Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), commentando i dati dell’Agenas che indicano come l’Italia ha già raggiunto il 12% per l’occupazione dei posti in terapia intensiva superando la soglia critica fissata al 10%.

Sta cambiando l’identikit di chi arriva in terapia intensiva? “Abbiamo sempre il 75-80% dei pazienti che è non vaccinato – risponde Vergallo -. C’è uno zoccolo duro che manifesta incrollabili certezze anche davanti al rischio di non uscire dalla terapia intensiva, poi c’è anche chi alla fine capisce che ha sbagliato a non vaccinarsi”.

Ad allarmare gli anestesisti è anche l’assistenza no-Covid che oggi “sta soffrendo molto”, rimarca Vergallo: “Non dimentichiamo che quanto più l’ospedale soffre per la pressione dei pazienti Covid, tanto più subisce un contraccolpo la capacità di erogare l’assistenza e le cure ai pazienti non Covid”.

“Sotto il profilo sanitario, l’abbiamo visto in Germania, è più efficace un lockdown per i non vaccinati che andare a ridurre la quarantena per i contatti di un positivo. Ma sono scelte che deve fare la politica, tenendo conto anche di un equilibrio con le attività economiche e sociali del Paese”, sottolinea quindi Alessandro Vergallo, commentando l’ipotesi che oggi il Cts decida per una riduzione della quarantena per i vaccinati che hanno avuto un contatto con un positivo.

Data:

29 Dicembre 2021