Traduci

VEGETARIANI E VEGANI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE – 2 parte

Nell’articolo precedente abbiamo visto come, per mantenere il corpo in salute e prevenire le malattie, il primo passo da fare sia curare la propria alimentazione. 

Abbiamo anche visto che l’alimentazione va ben oltre il mero nutrimento fisico, in quanto contribuisce non solo all’apporto equilibrato di tutti i nutrienti, ma anche all’equilibrio interiore della persona. Mangiare è nutrire, allo stesso tempo, il corpo e l’anima. Mangiare è anche un rito che deve essere compiuto con consapevolezza, senza ridurlo ad un mero soddisfacimento fisico. Tutto è “cibo”: gli alimenti, i pensieri, le emozioni. Come disse il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach: “Siamo ciò che mangiamo” e, prima di lui, Ippocrate enunciava: “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo“. 

L’alimentazione Vegetariana e Vegana, in questo senso, emergono non solo come regime alimentare salutare, ma anche come scelta etica e spirituale. In questo articolo andremo a vedere più da vicino le similitudini e le differenze.

Gli alimenti che ingeriamo possono influenzare la nostra salute e il nostro aspetto fisico poiché, oltre a stomaco e intestino, influiscono anche su processi fisiologici come il metabolismo e il peso corporeo. Inoltre, il modo in cui ci nutriamo può avere effetti sul sonno, sulla fertilità o, peggio ancora, essere focolaio di malattie, anche gravi.

Un’alimentazione sana ed equilibrata prevede, dunque, alcuni principi fondamentali:

VARIETÀ: devono essere presenti tutti i nutrienti necessari alla salute e al buon funzionamento della “macchina” corpo;

MODERAZIONE: il consumo di zuccheri aggiunti, sale e grassi deve essere limitato;

BILANCIO: ci deve essere equilibrio tra l’energia consumata e quella spesa;

PROPORZIONI: devono essere appropriate per evitare eccessi calorici;

IDRATAZIONE: deve essere quotidiana ed equilibrata.

Sia la dieta vegetariana che quella vegana offrono molti benefici e rappresentano scelte alimentari valide per migliorare la salute personale e ridurre l’impatto ambientale. Ultimamente, l’interesse per questo tipo di dieta è molto cresciuto, manifestando un forte cambiamento delle coscienze: il modo in cui ci si nutre deve corrispondere alle proprie scelte etiche.

Andiamo a vedere quali sono le similitudini tra l’alimentazione Vegetariana e quella Vegana.

Entrambi i regimi alimentari escludono la carne e il pesce. Tale scelta è essenzialmente motivata da considerazioni etiche, ambientali e salutistiche. Rifiutare di nutrirsi di creature senzienti equivale, dal punto di vista “spirituale”, a non mangiare la loro sofferenza, cosa che contribuirebbe ad abbassare le nostre frequenze. È, inoltre, un modo di promuovere la compassione e la non violenza, valori considerati fondamentali per il progresso spirituale.

Entrambi i regimi alimentari pongono, inoltre, un forte accento sul consumo di frutta, verdura, cereali integrali, legumi, noci e semi, alimenti ricchi di vitamine, minerali, fibre e antiossidanti.

Infine – senza ovviamente voler essere esaustivi – sia la dieta vegetariana che quella vegana sono più sostenibili, poiché la produzione di carne e altri prodotti animali ha un impatto significativo sull’ambiente, tra cui la deforestazione, l’inquinamento delle acque e l’emissione di gas serra. Ridurre, quindi, il consumo di prodotti animali è considerato un atto di responsabilità verso la Terra e le generazioni future.

Vediamo, ora, le differenze.
La principale differenza tra le due diete riguarda i prodotti animali.

Come i Vegetariani, i Vegani non mangiano carne ma non consumano neppure prodotti di origine animale, compresi latte, uova, miele e ogni altro derivato animale. Devono dunque prestare particolare attenzione a certi nutrienti che sono meno presenti nelle fonti vegetali, come ad esempio la vitamina B12, la vitamina D, il ferro, il calcio, e gli acidi grassi omega-3.  I Vegani, inoltre, estendono i loro principi oltre la dieta, evitando anche l’uso di prodotti non alimentari di origine animale (pelletteria, ecc.) tendenza che, comunque, si sta diffondendo anche al di fuori di questa cerchia.

L’alimentazione vegetariana e vegana è associata soprattutto alla consapevolezza della profonda connessione tra ciò che mangiamo e il nostro stato di coscienza. Ciò vale tanto per chi pratica religioni come l’Induismo, il Buddhismo e il Giainismo – che sottolineano l’importanza della non violenza -, sia per chi non ha nessuna fede ma crede nell’interconnessione tra tutti gli esseri viventi. La pace e la non violenza, cominciano a tavola!

In conclusione l’alimentazione vegetariana e vegana va oltre la mera soddisfazione dei bisogni nutrizionali. È una vera e propria scelta di vita alla cui base vi sono la consapevolezza del legame tra tutti gli esseri viventi e il rispetto per la vita di altre creature senzienti.

Adottare un’alimentazione vegetariana o vegana può portare a una maggiore consapevolezza delle proprie abitudini alimentari e del loro impatto sul corpo, sulla mente e sullo spirito, abbracciando un approccio olistico alla salute e alla spiritualità.

Ma, oltre le considerazioni etiche, è necessario ricordare che, chiunque scelga uno di questi regimi alimentari, deve informarsi adeguatamente e, se necessario, consultare un nutrizionista.

Autore:

Data:

22 Giugno 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *