Traduci

VELA D’EPOCA – I vincitori del primo Trofeo Valdettaro alle Grazie di Porto Venere

Numeri importanti per “Le Vele d’Epoca dell’Alto Tirreno – Trofeo Valdettaro”, svoltosi dal 24 al 26 maggio 2024 alle Grazie di Porto Venere, nel Golfo della Spezia. Due le regate disputate con sole e brezze fino a circa 10 nodi di intensità, una flotta di 45 imbarcazioni, che comprendeva 23 yacht d’epoca e classici, tra cui 5 vele storiche della Marina Militare, 15 gozzi a vela latina, 6 scafi della classe 5.50 Metri Stazza Internazionale (tre le prove disputate) e la goletta Pandora come “nave appoggio” per la flotta dei gozzi.

La prima edizione del Trofeo Valdettaro, un challenge che verrà rimesso in palio alla prossima edizione dell’evento, è stata vinta da Crivizza, prima assoluta in tempo compensato. A consegnarlo agli armatori Gigi Rolandi e Ariella Cattai sono stati Alessio Donno e Daniela Laganà, in rappresentanza di Ugo Vanelo titolare dell’omonimo cantiere. Dopo l’improvvisa scomparsa lo scorso 29 febbraio di Giancarlo Lodigiani, presidente dell’AIVE, a lui è stato intitolato il Premio Gentlemen, assegnato a Giulio Baldi, armatore di Margaret. A Lodigiani è stato inoltre dedicato il lancio di fiori in mare in occasione della parata di domenica mattina davanti a Porto Venere, con il commosso saluto via VHF alla flotta da parte di Gigi Rolandi, presidente AIVE in carica. Per l’eleganza dimostrata in mare e a terra, il Memorial Roberta Talamoni, dedicato all’ex Segretario Generale dell’AIVE anch’essa mancata nel febbraio 2023, quest’anno è stato assegnato a Monica Montemartini, armatrice con Adalberto Pironi di Tulli del 1960.

La Coppa Sergio Guazzotti, consegnata dalla figlia Annalisa e conferita al primo classificato tra i Classic I.O.R. dello S.V.M.M., è stata vinta da Gemini. Manuela V si è aggiudicata sia il Trofeo Volpina (1° classificato assoluto tra tutti i 5.50m S.I.) che il Trofeo del Presidente dell’A.S.D. Forza e Coraggio (1° classificato nella classe metrica più numerosa, in questo i 5.50m S.I. a chiglia lunga). Questo sodalizio ha inoltre assegnato a Freya il Trofeo Gianfranco Vecchio, intitolato al graziotto che tanto si è speso per la cultura del mare.

Tre le mostre allestite per l’occasione. La prima, realizzata da e all’interno del Cantiere della Memoria, era intitolata “Straulino, figlio del mare e amico del vento”, sulla figura e le imprese dell’Ammiraglio medaglia d’oro olimpica nella classe Star, a 110 anni dalla nascita e a 20 anni dalla scomparsa (la mostra rimarrà aperta tutta l’estate). Nella seconda, anch’essa allestita dal giornalista Corrado Ricci, “anima” del Cantiere della Memoria, il modellista Ornello Ferraresi ha esposto modelli di mezzi scafi realizzati nel suo laboratorio di costruzione. La terza era dedicata al restauro della goletta Vera Mary del 1932, tornata a navigare dopo cinque anni di lavori eseguiti da Valdettaro.

Data:

28 Maggio 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *