Traduci

War in Syria

The only way the military balance of power could swing back in favour of the Syrian opposition would be the direct intervention of the Turkish army.

cms_3423/3.jpg

The war in Syria and Iraq has reached a decisive turning point with the announcement by the US and Russia in Munich that they have agreed on the delivery of food and other aid to besieged communities in Syria; this would be followed by “a cessation of hostilities” in preparation for a formal ceasefire.

A de-escalation of the conflict will be difficult to implement because it does not apply to Isis and Jabhat al-Nusra, both of which are designated by the UN as terrorist movements; between them, they control more than half of Syria’s territory – though a far lower proportion of the population. There is no agreement on which other members of the armed opposition are terrorists, so Russia can continue bombing those whom the US and its allies claim are moderates.

cms_3423/4.jpg

But the agreement in Munich is still a crucial stage in ending the five-year war that has convulsed much of the Middle East and brought terror to people across the world, from Paris to Jakarta. Despite problems in implementation, the agreement is significant because it is brokered by the US and Russia, the only states with enough influence over the many participants in the war to begin the process of ending it.

cms_3423/5.jpg

The outcome of the conflict will not be determined by diplomacy alone, but by events on the battlefield, where winners and losers have been emerging over the past six months. A crucial development was the entry of Russia as a participant in the war; its bombing campaign in support of the Syrian army, which began on 30 September, ensured that President Bashar al-Assad was not going to lose the war. When the Syrian army cut the rebel supply lines between Aleppo and the Turkish border on 2 February it became increasingly possible that he would win it.

The only development that might lead to the military balance of power swinging back in favour of the Syrian armed opposition would be the direct intervention of the Turkish army in Syria. But it is getting very late in the day for this to happen, despite deep unhappiness in Turkey at the advance of the Syrian Kurds along its southern frontier. Saudi Arabia has been an important backer of the armed opposition and has offered to send ground troops to Syria; but it has not said when, where or how it would intervene.

cms_3423/6.jpg

The first test of the new agreement – and of Russia’s ability to ensure that the Syrian government acts in accordance with it – will be the delivery of food and other supplies to besieged and blockaded towns in Syria, such as Madaya and Zabadani. Ending the sieges, or at least alleviating the suffering of the besieged, raises a problem in that almost half of the 486,000 estimated by the UN to live under siege are in government-held areas encircled by Isis and al-Nusra.

In the government-held part of Deir Ezzor, in eastern Syria, 200,000 civilians are trapped and malnourished, according to the UN’s Office for the Co‑ordination of Humanitarian Affairs. When Isis broke into part of the besieged city in January, its fighters executed 85 civilians, according to the Syrian Observatory for Human Rights. Sieges and blockades have played a central role in the Syrian war because neither side wants to suffer casualties among their combat troops in house-to-house fighting. Government strategy has been to seal off urban areas it has lost by placing checkpoints around them; often these are manned by conscripts who are elderly or out of condition. It then bombards the rebel-held area with artillery and bombs, turning them into “ghost districts” – uninhabited heaps of rubble and shells of burned out buildings.

cms_3423/7.jpg

Going by past experience, government forces will be averse to allowing through food and other necessities to places held by their enemies, whom they have been fighting for years. Nevertheless, the Syrian army is so dependent on Russian air strikes for its recent successes that President Assad will have difficulty resisting Russian pressure, if it is applied, to comply with the terms agreed in Munich.

A “cessation of hostilities”, to be followed by a formal ceasefire, presents problems and opportunities because so much of the armed opposition is dominated by Isis and al-Nusra, which are not part of the deal. Both groups are, in any case, highly motivated fighting machines for which battle is a proof of Islamic faith, and neither would flourish in conditions of peace. They may benefit from a revulsion among many Syrian opponents of the government at the belief that they are being sold out, after all their years of suffering, and that President Assad and the Ba’ath party are going to stay in power.

cms_3423/8.jpeg

One of the more important paragraphs in the statement by the International Syria Support Group concerns the policing of compliance with a truce. The paragraph states that the ISSG looks for support “for a cessation of hostilities, and in furtherance of that have established an ISSG ceasefire task force, under the auspices of the UN, co-chaired by Russia and the United States, and including political and military officials, with the participation of ISSG members with influence on the armed opposition groups or forces fighting in support of the Syrian government.” The ISSG task force will clarify which parts of Syria are held by Isis, al-Nusr and anybody else labeled as terrorist.

cms_3423/9.jpg

There is plenty of room for disagreement, but for the first time there is a plan for de-escalating the war, and a mechanism for enforcing it that is backed by the US and Russia. Syrian and regional forces will find it difficult to sabotage the agreement, though they may try to evade it. Inside Syria, parties are exhausted by the long war and are so reliant on outside support that they may have little option in the long term but to comply. Regional powers such as Turkey, Saudi Arabia and Qatar may not like what has happened, but there may not be much they can do about it either. President Assad has survived and the alliance of Russia, Iran, Iraq, Syria and Hezbollah has avoided defeat and got much of what it wanted. Probably President Assad would like to fight on and win decisively, but his successes over the past four months stem from Russian and Iranian backing.

cms_3423/10.jpg

The approach to peace in Syria will be as messy as the war itself, but despite the many obstacles to diplomacy, this agreement may be a step towards peace: it has the backing of the US and Russia, and it reflects the balance of power on the battlefield.

cms_3423/italfahne.jpgLa guerra in Siria

L’accordo tra Stati Uniti e Russia è un passo fondamentale per porre fine al conflitto.

L’unico modo affinché l’equilibrio militare di potere sia a favore dell’opposizione siriana sarebbe costituito da un intervento diretto dell’esercito turco. La guerra in Siria e in Iraq ha raggiunto un punto di svolta decisiva con l’annuncio da parte degli Stati Uniti e la Russia a Monaco di Baviera che hanno concordato la fornitura di cibo e altri aiuti alle comunità assediate in Siria; questo sarebbe seguito da “una cessazione delle ostilità” in vista di un cessate il fuoco formale. Una de-escalation del conflitto sarà difficile da attuare perché non sono inclusi l’Isis e Jabhat al-Nusra, entrambi designati dalle Nazioni Unite come movimenti terroristici; entrambi controllano oltre la metà del territorio della Siria – e una percentuale seppur bassa della popolazione. Non c’è accordo su come gli altri membri dell’opposizione armata siano terroristi, così la Russia può continuare a bombardare coloro che gli Stati Uniti e i loro alleati definiscono come moderati.
Ma l’accordo di Monaco di Baviera è ancora una fase cruciale nel porre fine alla guerra di cinque anni che ha sconvolto gran parte del Medio Oriente e ha portato il terrore tra le persone in tutto il mondo, da Parigi a Jakarta. Nonostante i problemi di attuazione, l’accordo è significativo perché è mediato dagli Stati Uniti e dalla Russia, gli unici Stati con sufficiente influenza sui numerosi partecipanti nella guerra per iniziare il processo di porvi fine. L’esito del conflitto non sarà determinato soltanto dalla diplomazia, ma di eventi sul campo di battaglia, dove vincitori e perdenti stanno emergendo nel corso degli ultimi sei mesi. Uno sviluppo importante è stato l’ingresso della Russia come partecipante alla guerra; la sua campagna di bombardamenti in appoggio dell’esercito siriano, che ha avuto inizio il 30 settembre, ha assicurato che il presidente Bashar al-Assad non avrebbe perso la guerra. Quando l’esercito siriano ha tagliato le linee di rifornimento dei ribelli tra Aleppo e il confine con la Turchia il 2 febbraio la vittoria è diventata sempre più probabile.
L’unico sviluppo che potrebbe portare al bilancio militare del potere oscillante posteriore in favore dell’opposizione armata siriana sarebbe un intervento diretto dell’esercito turco in Siria. Ma si sta facendo molto tardi nel corso della giornata perché questo avvenga, nonostante la profonda infelicità in Turchia circa l’avanzata dei curdi siriani lungo la sua frontiera meridionale. L’Arabia Saudita è stato un sostenitore importante dell’opposizione armata e ha offerto di inviare truppe di terra in Siria; ma non ha detto quando, dove e come si sarebbe intervenuto.
Il primo test del nuovo accordo – e della capacità della Russia di garantire che il governo siriano agisca in conformità con essa – sarà la consegna di cibo e altri rifornimenti alle città assediate e bloccate in Siria, come Madaya e Zabadani. Terminare gli assedi, o almeno alleviare le sofferenze degli assediati, solleva un problema in quanto quasi la metà delle 486.000 persone stimate dalle Nazioni Unite vivono sotto assedio nelle zone circondate dall’Isis e al-Nusra.
Nella parte del governo-tenuta di Deir Ezzor, in Siria orientale, 200.000 civili sono intrappolati e malnutriti, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari. Quando a gennaio l’Isis ha fatto irruzione nella parte della città assediata, i suoi combattenti hanno giustiziato 85 civili, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Assedi e blocchi hanno svolto un ruolo centrale nella guerra siriana, perché nessuna delle due parti vuole soffrire vittime fra le loro truppe da combattimento in caso di combattimento. La strategia del governo è stata quella di isolare le aree urbane mettendo posti di blocco intorno ad esse; spesso questi sono presidiati da soldati di leva che sono anziani o fuori condizione. E poi bombardare la zona in mano ai ribelli con artiglieria e bombe, trasformandoli in “distretti fantasma” – cumuli di macerie disabitate e gusci di edifici bruciati all’esterno.
Andando da esperienze passate, le forze governative saranno contrarie a consentire attraverso il cibo e altre necessità di posti detenuti dai loro nemici, i quali hanno combattuto per anni. Tuttavia, l’esercito siriano è così dipendente da attacchi aerei russi per i suoi recenti successi che il presidente Assad avrà difficoltà a resistere alle pressioni russe, se applicate, a rispettare i termini concordati a Monaco di Baviera.
La “cessazione delle ostilità”, che sarà seguita da un cessate il fuoco formale, presenta problemi e le opportunità perché gran parte dell’opposizione armata è dominata dall’Isis e al-Nusra, che non sono parte della transazione. Entrambi i gruppi sono, in ogni caso, molto motivati ​​e macchine da combattimento per i quali la battaglia è una prova di fede islamica, e nessuno dei due avrebbe consenso in condizioni di pace. Possono beneficiare di una repulsione tra molti oppositori siriani del governo con la convinzione che essi sono stati venduti, dopo tutti i loro anni di sofferenza, e che il presidente Assad e il partito Baath stanno per rimanere al potere.
Uno dei punti più importanti della dichiarazione da parte del Gruppo internazionale di sostegno alla Siria riguarda la polizia del rispetto di una tregua. Il paragrafo precisa che la ISSG guarda per il supporto “per una cessazione delle ostilità, e sulla scia di questi hanno stabilito un cessate il fuoco task force ISSG, sotto gli auspici delle Nazioni Unite, co-presieduto dalla Russia e dagli Stati Uniti, e tra cui politici e funzionari militari, con la partecipazione di membri ISSG con influenza sui gruppi di opposizione armati o forze che combattono a sostegno del governo siriano “.
La task force ISSG chiarirà quali parti della Siria sono controllati dall’Isis, da al-Nusr e chiunque altro etichettato come terrorista. C’è un sacco di spazio per il dissenso, ma per la prima volta c’è un piano per la de-escalation della guerra, e un meccanismo per farla rispettare che è sostenuta da Stati Uniti e Russia. Le forze siriane e regionali avranno difficoltà a sabotare l’accordo, anche se possono tentare di evitarlo. All’interno della Siria, i partiti sono esauriti dalla lunga guerra e fanno così affidamento ad un supporto esterno, a lungo termine, da rispettare. A stati come la Turchia, l’Arabia Saudita e il Qatar potrebbe non piacere quanto è successo, ma non ci può essere molto da fare diversamente.
Il presidente Assad è sopravvissuto e l’alleanza con Russia, Iran, Iraq, Siria e Hezbollah ha evitato la sconfitta e ottenuto molto di quello che voleva. Probabilmente il presidente Assad vorrebbe combattere e vincere in modo decisivo, ma i suoi successi negli ultimi quattro mesi derivano dal supporto russo e iraniano. L’approccio alla pace in Siria sarà disordinato come la guerra stessa, ma nonostante i molti ostacoli per la diplomazia, questo accordo potrebbe essere un passo verso la pace: essa ha l’appoggio degli Stati Uniti e della Russia, alleanza che riflette i rapporti di forza sul campo di battaglia.

(Tradotto dall’articolo War in Syria: This agreement between the US and Russia is a vital step to ending the conflict scritto da Patrick Cockburn pubblicato da independent.co.uk venerdi’ 12 febbraio 2016).

Data:

13 Febbraio 2016