Traduci

Xi:”La più grande emergenza sanitaria dal 1949″(Altre News)

Coronavirus, Xi: “La più grande emergenza sanitaria dal 1949”

cms_16271/Xi_Fg.jpg

Il presidente cinese Xi Jinping ha parlato dell’epidemia di coronavirus come della massima emergenza sanitaria dalla nascita della Repubblica popolare cinese, nel 1949. L’epidemia di Covid-19 “é la più rapida nel diffondersi, con il maggior numero di contagiati e la più difficile da prevenire e controllare” dalla fondazione della Repubblica, ha detto Xi nel corso di una teleconferenza con i vertici del paese, secondo quanto riporta il South China Morning Post.

Coronavirus, Cina,Iran,Sud Corea,Pakistan

cms_16271/Virus_Cina_medico_tuta_ospedale_Afp_rit.jpg

Sono 648 i nuovi casi di coronavirus in Cina, portando il numero totale di infezioni a livello nazionale a 76.936. Sono 97 i nuovi decessi, arrivando così a 2.442. Lo affermano le autorità sanitarie cinesi.

In Cina quasi tutti i nuovi casi e morti sono stati segnalati nella provincia centrale di Hubei, le cui autorità locali hanno dichiarato che il periodo di incubazione per il coronavirus potrebbe durare fino a 27 giorni, secondo i media statali.

IRAN – Fuori dal gigante asiatico, sono al momento 8 le persone morte in Iran dopo essere state contagiate. Lo ha detto il portavoce del ministero della Sanità, Kianush Jahanport, citato dai media iraniani. Si registrano 15 nuovi contagiati, portando il totale a 43.

Le autorità iraniane hanno disposto la chiusura di scuole e università per una settimana in 14 delle 31 province del Paese, compresa quella di Teheran. Le partite di calcio potranno essere disputate ma non saranno ammessi spettatori negli stadi.

COREA DEL SUD – La Corea del Sud ha deciso di innalzare al livello massimo l’allerta per fronteggiare l’epidemia, dopo che nel Paese asiatico sono stati confermati 123 nuovi contagi e due morti che hanno fatto salire il bilancio a 556 casi e quattro vittime.

Il presidente Moon Jae, citato dall’agenzia di stampa ’Yonhap’, ha affermato che il governo rafforzerà a livello di allerta “rosso” la sua risposta all’emergenza e che le autorità locali adotteranno misure “senza precedenti”.

PAKISTAN – Intanto il Pakistan ha temporaneamente chiuso la frontiera con l’Iran per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha confermato alla ’Cnn’ il ministro locale dell’Interno della provincia del Balochistan, Ziaullah Langove.

Coronavirus, Ue: “Pronti ad aiutare l’Italia”
cms_16271/StellaKyriakidesFTG_IPA.jpg

“Stiamo seguendo con molta attenzione la situazione in Italia e lodiamo le autorità italiane per la loro azione rapida ed efficiente”. Lo ha scritto su Twitter il commissario Ue per la Salute, Stella Kyriakides. Il tweet è stato diffuso sia in inglese che in italiano. “La commissione Ue è pronta offrire supporto: solo insieme possiamo contenere la diffusione del COVID19”.

Coronavirus, Le Pen: “Controlli frontiere con Italia forse necessari”

cms_16271/lepen_marine9_afp.jpg

Marine Le Pen è favorevole a ripristinare controlli alla frontiera con l’Italia se l’epidemia di coronavirus dovesse andare “fuori controllo”. “Oggi o domani serviranno forse dei controlli alle frontiere”, ha detto la leader del partito di estrema destra Rassemblement National durante la trasmissione televisiva Grand Jury RTL-LCI-Le Figaro. Alla domanda se chiedeva al governo di ripristinare i controlli al confine, Le Pen ha risposto: “Sì, sarà necessario se l’epidemia è fuori controllo in Italia”, si legge sul sito di Le Figaro. L’esponente politica ha accusato il governo francese di fare troppo poco per contenere il coronavirus, permettendo fra l’altro anche l’arrivo di aerei dalla Cina.

Coronavirus, semaforo verde per treni al Brennero

cms_16271/brennero_ferrovia_ftg.jpg

Riprende il traffico ferroviario tra Italia e Austria, sospeso dopo la segnalazione, a bordo dell’Eurocity 86 da Venezia a Monaco, di due casi sospetti di nuovo coronavirus. Le due donne tedesche sono risultate negative ai test. Il treno con 500 passeggeri a bordo era stato bloccato al Brennero. “Il treno ripartirà a breve”, ha detto il ministro dell’Interno Karl Nehammer.

Il treno era stato bloccato al Brennero, dopo che il capotreno aveva segnalato al collega austriaco due casi sospetti a bordo: due donne tedesche che sono state fatte scendere a Verona e sottoposte alle prime analisi.

Autore:

Data:

24 Febbraio 2020