Traduci

ZELENSKY ATTESO A BRUXELLES GIOVEDI’, MA UE NON CONFERMA VISITA

L’Unione Europea attende la visita del presidente ucraino Volodymyr Zelensky giovedì prossimo a Bruxelles, in coincidenza con l’inizio del Consiglio Europeo straordinario, in quella che sarebbe la prima visita di Zelensky in Europa dall’inizio della guerra, a due settimane dal primo anniversario dell’inizio dell’invasione. Ma i portavoce della Commissione Europea e del Consiglio Europeo non confermano, né smentiscono, la possibile visita del presidente ucraino a Bruxelles.

cms_29300/Eric_Mamer,.jpg“Non posso confermare – risponde il portavoce capo dell’esecutivo Ue Eric Mamer, durante il briefing quotidiano con la stampa – non ho informazioni in merito e non commentiamo su queste cose in sala stampa”. Il portavoce di Charles Michel, Barend Leyts, si limita a ribadire che “l’unico commento che posso ripetere è che ’c’è un invito aperto per il presidente Zelensky a venire a Bruxelles’, come abbiamo sempre detto”.

I leader attendono il presidente ucraino dopo appena una settimana la visita dei vertici Ue a Kiev per una doppia giornata di incontri, prima la riunione tra una quindicina di commissari e il governo ucraino e poi il vertice Ue-Ucraina. Alla domanda circa una sua visita a Bruxelles, Zelensky ha assicurato che un viaggio simile è “inevitabile”, spiegando però che esiste un “rischio significativo” nel fare visite all’estero. Ha ammesso di aver discusso dell’opzione con Charles Michel: “Voglio davvero viaggiare, ma ci sono dei rischi perché la Russia potrebbe preparare un’offensiva”.

cms_29300/zelensky6.jpgQuello a Bruxelles sarebbe il secondo viaggio all’estero dall’inizio dell’invasione russa, quasi un anno fa. Il presidente ucraino ha fatto una prima visita negli Usa, della quale si è avuta conferma ufficiale solo alcune ore prima, per ragioni di sicurezza.

La visita a Washington del 22 dicembre è stata caratterizzata da rigide misure di sicurezza e ha incluso, oltre ad una riunione alla Casa Bianca con il presidente Joe Biden, un discorso al Congresso, in seduta straordinaria con i rappresentanti di entrambe le Camere. Zelensky se ne andò da Washington incassando impegni espliciti di maggiori aiuti. Da allora, le autorità ucraine hanno sempre lasciato in sospeso la possibilità di una seconda visita, stavolta a Bruxelles, dopo le successive visite a Kiev delle più alte cariche Ue.

Intanto oggi la commissione per la sicurezza nazionale, difesa e intelligence del Parlamento dell’Ucrania ha approvato una nuova proroga della legge marziale, la sesta dall’inizio dell’invasione russa lo scorso 24 febbraio, accogliendo il progetto di legge presentato dal presidente Zelensky. Lo ha reso noto il deputato Yaroslav Zheleznyak su Telegram, spiegando che la legge marziale resterà in vigore per i prossimi 9 giorni a partire dal 19 febbraio. La legge marziale va di pari passo con la ’’mobilitazione generale’’ proclamata da Kiev qualche ora dopo l’inizio dell’aggressione militare lanciata dalla Russia.

***** ***** ***** ***** *****

Ucraina, Financial Times: “Per 007 Kiev massiccia offensiva Russia entro 10 giorni”

cms_29300/ucraina_russia_carriarmati_ipa_ftg.jpg

La Russia può lanciare una massiccia offensiva in Ucraina nei prossimi dieci giorni, secondo “elementi molto solidi di intelligence sulle intenzioni di Mosca” ha scritto il Financial Times citando un consigliere della Difesa ucraina rimasto anonimo. Secondo gli analisti del quotidiano britannico, l’offensiva sarebbe con ogni probabilità diretta nella parte occidentale della regione di Luhansk, intorno a Kreminna e Lyman, la porzione di territorio riconquistata dagli ucraini nella controffensiva lanciata lo scorso autunno.

Da settimane, i russi stanno ammassando le forze nella regione. Nei giorni scorsi l’intelligence militare ucraina aveva denunciato l’ordine di Vladimir Putin per la conquista delle intere regioni di Donetsk e Luhansk entro il mese di marzo. Il ministro della Difesa Reznikov aveva confermato la possibilità dell’inizio di una grande offensiva russa intorno al 24 febbraio, per l’elevato simbolismo dell’anniversario dell’inizio dell’invasione.

Data:

7 Febbraio 2023